VITERBESE, DOMANI A LIVORNO PER NON RIPETERE GLI ERRORI

E allora sotto con la partita di domani, sotto con la determinazione, la fame in campo, la rabbia di chiudere in bellezza una lunga settimana di lavoro, una non semplice settimana di lavoro.

Molto dipenderà anche dalla tattiche e – come detto – dalle scelte di Cornacchini, il quale sembra pronto a rivedere la formazione reduce da due sconfitte in otto giorni con gli inserimenti di Neglia, Cuffa, Pacciardi e Pandolfi, guarda caso gente che – tre su quattro – quella gara dell’andata con il Livorno la giocò sul serio.

E ad attendere i Gialloblu, il Livorno: vedremo se sarà – oppure no – quello abbastanza smarrito degli ultimi tempi, quello che non ha saputo supplire alle importanti assenze con la grinta e l’orgoglio necessari.

Una gara delicata ed a cui entrambe le squadre chiedono lumi e punti per spezzare un momento difficile.

Come dire una gara che – se finisse sul pari – non farebbe troppi scontenti, visto che permetterebbe alle due squadre di respirare un attimo, dopo le rispettive sconfitte, e riaggiornare il tutto al sabato successivo.

E pensare che nel girone di andata la Viterbese aveva avuto l’occasione di aggiudicarsi tranquillamente la gara al Rocchi, visto che il nostro giornale scrisse: “l’amaro in bocca per avere gettato alle ortiche una vittoria che avrebbe fatto piacere a tutti, in primis al patron Camilli, che con i Labronici aveva un conto in sospeso, è la sensazione che prevale sulle altre.

error: Content is protected !!