IL FUTURO DEI GRIGI, DOPO LA STAGIONE GETTATA VIA INCREDIBILMENTE

DI MARIO BOCCHIO

Promesse. Il calcio di Luca Di Masi per adesso è un grande castello di promesse, proiezioni, futurismi, sogni, immaginazioni. Praticamente non abbiamo più alcuna certezza della promozione diretta dell’Alessandria in serie B, e nello stesso tempo non sappiamo ancora veramente quali siano le reali capacità dello stesso Di Masi. Ci sono seri dubbi sulle sue reali capacità di fare calcio – o meglio la giusta esperienza – in un club così importante, per cui anche solo chiedere che Alessandria sarà, chi la allenerà, chi vi giocherà e quali obbiettivi dichiarerà nuovamente è un esercizio puramente virtuale.

L’Alessandria parte sempre con un certo vantaggio, che è una capacità di spesa sicuramente superiore. Ma finora non ha dato grandi prove di gestione: sul mercato ha speso tanto e male, ha sin qui esonerato ben cinque allenatori, non esiste una dirigenza in grado di affiancare l’allenatore e di tenere sulla corda la squadra. L’impressione è oggettivamente quella di chi ha le tasche piene di soldi e non vede l’ora di spenderli come capita.

La concorrenza nel calcio è sempre altissima: i Grigi nella ricca e virtuale versione dimasiana, se vorranno tornare alla luce del sole dovranno prima di tutto diventare una vera società. I soldi nel calcio contano tantissimo, inutile farsi illusioni, chi è povero, o almeno troppo povero, è quasi sempre destinato a perdere.

error: Content is protected !!