VITERBESE, UNA PROMESSA E UNA SPERANZA

Viterbese, promessa mantenuta! Quella che in estate fu relativa all’ingresso nei playoff e qualche soddisfazione da togliersi. A parte che il tempo delle soddisfazioni potrebbe ancora non essere terminato, ma c’è da dire che la Viterbese qualche giornata davvero positiva l’ha avuta e l’ha regalata alla gente gialloblu,fin dalla prima gara di Coppa Italia al Rocchi contro il Gubbio.

Se non fosse stato per i momenti di flessione e – sicuramente – anche per i tanti infortuni, probabilmente le soddisfazioni sarebbero state più numerose e la griglia dei playoff sarebbe potuta essere diversa. Al posto di Como e Piacenza, ad esempio, ci sarebbe potuta essere la Viterbese e la prima gara dei Gialloblu sarebbe stata alla Palazzina.

Un organico che si è confermato valido, visto che a Como, anche i giocatori che non sono considerati titolari sono riusciti a portar via un buon punto, laddove molte squadre titolate non avevano avuto la stessa sorte.

Decisione saggia, quella di risparmiare alcuni dei giocatori importanti, sicuramente stanchi delle ultime fatiche. Un pizzico di rischio c’è stato, a schierare solo sei, tra titolarissimi o quasi, ma alla fine il gioco è valso la candela, tanto – è stata la strategia di tecnico e società – sarebbe cambiato poco nel tabellone dei playoff.

error: Content is protected !!