NON FAR DOMANDE QUANDO C’E’ LA MOGLIE

Un sabato mattina il dirigente che, solitamente, mi dava il tabellino di una partita mi avverte che è fuori e che, quindi, il giorno dopo non sarebbe andato al campo. In sostituzione mi dà il numero di un suo collega che chiamo sempre per conferma

IO: Buongiorno signor Verdi, sono Mario, mi ha dato il suo numero il signor Rossi, sa, per il tabellino. Non so se l’ha avvisata
DIRIGENTE (con voce squillante): Ah sì, sì, certo. Il signor Rossi mi ha avvisato, per domani tutto ok. Giochiamo alle 11, guardi….mi può chiamare per le 16?
IO: Certamente, nessun problema. Il signor Rossi ha avvisato che, oltre alle formazioni, mi servono anche altre cose come le sostituzioni, i gol, ecc..
DIRIGENTE (sempre con voce squillante): Sì sì, certo. LE DO TUTTO IO, STIA TRANQUILLO. (Urlando) ARRIVO SUBITO CARA! (rivolgendosi alla moglie).

Si sentono, nel frattempo, rumori di passi ed il dirigente che continua a parlare abbassando man mano la voce.

DIRIGENTE: Ascolti. Ci sentiamo quando sono con mia moglie ma, mi raccomando, non mi faccia domande. Perchè io passo dal campo, prendo le formazioni e vado via. Se le servono altri dati veda un pò come fare. L’importante è che, quando mi chiama, faccio vedere a mia moglie che sono andato al campo. Ha capito?

Buon lunedì.

M.G.

error: Content is protected !!