NON DISTURBARE ORA PASTI

Domenica pomeriggio. Il dirigente di una squadra di “Eccellenza” mi ha appena comunicato che si è dimenticato al campo il tabellino e di non avere idea di chi avesse giocato nè della sua nè dell’altra squadra. Per fortuna, avendo il numero del segretario dell’altra società, quella in trasferta, lo chiamo.
IO: Signor Rossi, buongiorno, hai il tabellino della partita di stamattina? Il dirigente dell’altra squadra, dopo averlo promesso, non me l’ha dato.
DIRIGENTE: E che problema c’è Mario? Figurati! Ti do tutto io. Ho un unico problema, il tabellino è nel portabagagli, quindi, facciamo una cosa. Chiamami quando arrivo a casa.
IO: Benissimo. Per che ora?
DIRIGENTE: Eh non so. Facciamo per le 14.30
Richiamo alle 14.40 per sicurezza
DIRIGENTE: Eh Mario, avresti dovuto chiamarmi alle 14.30. Adesso sto mangiando ed ho il tabellino in macchina, chiamami alle 15

Stavolta richiamo alle 15 in punto

DIRIGENTE: Non ho ancora finito di mangiare, chiamami dopo

Richiamo alle 15.30

DIRIGENTE: Mario scusa, ma mi chiami a quest’ora?
IO (sbigottito): A quest’ora? Come a quest’ora? Avevi detto di chiamare dopo
DIRIGENTE: Sì, di chiamare dopo, ma non alle 15.30, adesso sono andato in campagna a far mangiare il cane. Ed ho il tabellino in macchina
IO: In campagna…? Il cane…?
DIRIGENTE: Sì. Facciamo una cosa, chiamami quando torno a casa.

IO (sarcastico): Per le 20 va bene?

DIRIGENTE (serio): Uhm. Sì, per quell’ora dovrei esserci.

Buon lunedì a tutti!

(M:G:)

error: Content is protected !!