GRAVINA: “CONTROLLI SEVERI, ANCHE SE DOVESSERO PORTARE A MENO DI 60 SQUADRE!”

Questo il quadro per la nuova LegaPro previsto dal presidente Gravina.

“Quest’anno dobbiamo privilegiare la qualità della competizione, difendere e tutelare coloro che hanno rispetto per le regole. Non deve più accadere che una società virtuosa retroceda per far posto a una squadra con i conti in disordine.

Per questo i controlli, dal 30 giugno in poi, saranno attenti e severi. E se questo vorrò dire non arrivare a 60 squadre, pazienza!. Dobbiamo cominciare a ragionare con la logica della qualità. A tal proposito sono felice di dichiarare che il rapporto tra i ricavi e il costo del lavoro è passato dal 95%, una follia,anticamera del fallimento, al 78%, con l’obiettivo di scendere fino al 60%.

Ed è aumentato il patrimonio netto dei club di Lega Pro: le squadre spendono meno, sono più attente ai conti e prendono molti meno punti di penalizzazione rispetto al passato”.

Sul pericolo presunto di avere meno di 60 squadre crediamo non faccia piangere nessuno, visto che in programma c’è la riduzione degli organici a partire dal settembre 2018!”

error: Content is protected !!