CALCIO COI BAFFI. A CIVITAVECCHIA RICORDANDO LO SPORT DI UNA VOLTA

Aldo Solfanelli i baffi li aveva da giocatore e li ha conservati. Il “testimonial” ideale, quindi, per la serata civitavecchiese di CALCIO COI BAFFI, legati al nuovo libro di Claudio di Marco.

Ha fatto gli onori di casa Roberto Melchiorri, il quale ha anche innescato gli intrecci con tanti ricordi calcistici, anche con gli incroci tra Viterbo e Civitavecchia, soprattutto grazie alla presenza di Solfanelli – appunto – e Vuerich, in chiave gialloblu e Fabiani, Fabri, Mecorio in chiave nerazzurra. Interessantissimo anche l’intervento di due addetti ai lavori, i giornalisti Giampiero Romiti e Massimo Cicognani, i quali hanno portato il proprio contributo alla discussione. Una discussione da cui è emersa – oltre al piacere di aver fatto ritrovare insieme tanti ex protagonisti dei campi di calcio di una volta – la nostalgia per uno sport che oggi è per molti versi irriconoscibile, senza gran parte dei valori sani di una volta, proprio quelli che sospingevano Solfanelli e compagni nelle loro gesta domenicali e anche nei tanti sacrifici di allora, spesso con lunghi viaggi in treno, anche soltanto per raggiungere le sedi degli allenamenti.

Tanti altri protagonisti hanno fatto parte di questo appuntamento civitavecchiese, concluso con l’inevitabile riunione conviviale, i vari Di Giorgio, Negrisolo, Belli, Quintarelli, Patassini, Zeroli, Baseggio. Alla prossima occasione per tutti!

error: Content is protected !!