PALLAVOLO. TUSCANIA BATTUTO DA SIENA AL TIEBREAK

Tuscania – Siena 2-3 (23-25; 21-25; 25-23; 29-27; 10-15)

MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA: Buzzelli 9, Sorgente (L), Calonico 2, Festi 12, Della Rosa, Bonami (L), Pedron 1, Mochalski 15, Cernic 8, Crò, Shavrak 16, Sartori, Ragoni, Gentilini, Seveglievich 2, Piscopo 3. Coach: Montagnani.

EMMA VILLAS SIENA: Fabroni 1, Bargi 2, Spadavecchia 12, Vedovotto 8, Gradi 14, Giovi (L), Graziani, Braga 1, Nemec, Pochini (L), Di Tommaso, Fedrizzi 21, Alisson Melo 18. Coach: Bagnoli.

Tuscania, il primo trofeo PM&B va al Siena, al tiebreak. Inizia bene Tuscania, che mette in mostra un Cernic carico e voglioso di fare e uno Shavrak che mostra immediatamente buone cose. I padroni di casa si portano subito sul 3-0, complici anche alcune indecisioni del team senese. La gara si gioca su buoni ritmi, nonostante che i due team siano in fase di preparazione fisica. La Emma Villas inizia ad ingranare, con Alisson Melo, Fedrizzi e Gradi che carburano e mettono a segno i primi punti importanti. Il primo punto senese dell’amichevole è proprio dello schiacciatore brasiliano arrivato quest’anno in Italia, giocatore che sembra essersi bene ambientato. Sospinti da Shavrak e Cernic i laziali si portano sul +5 fino al 14-9.  

C’è equilibrio tra le due formazioni: Tuscania regge botta e non consente alla formazione di coach Bagnoli di trovare la fuga decisiva. I protagonisti senesi in questo parziale sono Cesare Gradi e Michele Fedrizzi, autori di 6 punti a testa. Alcuni errori di troppo al servizio della Maury’s Italiana Assicurazioni consentono alla Emma Villas di allungare e poi di chiudere il set sul 21-25.

Nel terzo set cresce l’intensità di gioco dei padroni di casa: l’opposto statunitense Eric Mochalski mette in difficoltà la difesa senese e anche i centrali Festi e Piscopo regalano ottime cose in casa Tuscania. Cresce pure il servizio dei padroni di casa, che commettono meno errori. E pure Cernic va a segno in più circostanze.  

Il quarto set si gioca ancora sul filo dell’equilibrio. Ora la stanchezza dovuta alla preparazione inizia a farsi sentire da una parte e dall’altra e si vedono un po’ di errori in campo, anche al servizio dove manca la migliore lucidità.  

Si va al tie break, fino al match point senese, sfruttato con un muro di Roberto Braga. Siena vince al termine di una gara lunga, divertente e che potrà fornire tante indicazioni utili per il lavoro da fare nelle prossime settimane.

 

error: Content is protected !!