LA VITERBESE SUL CORRIERE DELLO SPORT

La Viterbese è sconfitta in casa da un Siena che si conferma capolista. I Toscani partono subito a razzo e colpiscono a freddo, quando (3’) su un traversone dalla destra di Cristiani prova ad intervenire Sini, mancando il pallone che finisce a Marotta, il quale colpisce in scivolata, da bomber di razza, mettendo il pallone  alle spalle di Iannarilli.

Una doccia fredda per la Viterbese, supportata dal pubblico delle grandi occasioni: Celiento e compagni reagiscono e (10’ e 13’) hanno una due notevoli opportunità, rispettivamente con Jefferson e Tortori, i quali, però, non hanno la mira giusta.

La partita si alterna sui due fronti, con un Siena che mostra di sapersi muovere bene, che non appare di certo improvvisata, soprattutto ispirata da Guberti, il quale si muove tra le linee, passando da un fronte all’altro.

Nella Viterbese, priva dello squalificato Razzitti e dell’infortunato Atanasov, non sempre le idee nella costruzione del gioco sono valide e ancora una volta la difesa lascia a desiderare, come allo scadere del primo tempo, quando perde un pallone, a favore dell’ex Neglia, che fa partire (44’) sulla sinistra Guberti: grande giocata per l’ex-Perugia, a fil di palo, alla sinistra di Iannarilli.

Nofri cambia due uomini all’inizio della ripresa, mandando in campo Mendez e Bismark. E al primo minuto c’è ancora un’occasione per Jefferson, non colta.

Fa più fatica – ora – il Siena a contenere la Viterbese e ci scappa il calcio di rigore (29’) che Jefferson piazza alle spalle di Pane. I Toscani sembrano non avere più la stessa lucidità, ma un guizzo di Marotta produce un assist per il nuovo entrato Campagnacci (35’) che realizza e chiude l’incontro.

error: Content is protected !!