GIALLOBLU AL LAVORO: VENERDI’ DI NUOVO IN CAMPO

La Viterbese è al lavoro: venerdì prossimo torna in campo per un’altra notturna,  una gara alla portata dei Gialloblu, anche se è vero che, nel recente passato, alcune delle gare casalinghe che sembravano fatte apposta per avanzare sono coincise con clamorosi scivoloni.

Attenzionate le condizioni fisiche di Jefferson, che ultimamente è stato bersagliato dalle recidive: l’ultima delle quali lo ha messo fuori causa ad Arezzo, dopo che aveva cominciato molto bene, sfiorando il gol.  

VITERBO – Il pari di Arezzo lascia inalterate le potenzialità della Viterbese. La classifica rimane all’incirca la stessa e la speranza di far meglio fin dalle prossime gare c’è tutta, soprattutto se si insisterà su un undici base, senza più il tourbillon di sostituzioni e cambi.

E poi servirà maggiore precisione sotto porta, per capitalizzare le occasioni da gol che capitano, magari non numerose, ma che potrebbero ugualmente cambiare l’esito delle gare.

“Siamo mancati – è stata l’analisi dell’allenatore Nofri dopo il pareggio in Toscana – di precisione e cinismo. Potevamo benissimo vincere, ma ci accontentiamo di questo punto colto su un campo difficile. Siamo giovani e poco pratici, però dobbiamo accettare il verdetto del campo, ed andare avanti con serenità, anche se ad Arezzo poche squadre raccoglieranno punti”.

Si respira, indubbiamente, un’atmosfera ottimistica, dopo la trasferta di Arezzo, in cui, peraltro, la Viterbese ha ottenuto il suo primo pareggio in campionato, dopo una serie fatta di sei vittorie e quattro sconfitte. Una media punti di 1,72 che la società del patron Camilli spera di migliorare nel prosieguo della stagione, anche tenendo presenti le trasferte alle porte, in quel di Livorno e Alessandria, ma anche il turno di riposo che lascerà, inevitabilmente, al palo, la Viterbese il 3 dicembre.

“Il campionato è lungo  – dice il direttore generale Foresti – e anche noi cercheremo di giocarci le nostre possibilità. Quando recupereremo tutti gli infortunati potremo toglierci qualche altra soddisfazione ed inoltre non credo che il Livorno abbia già vinto il campionato. Noi siamo lì, poi vedremo al prossimo mercato invernale, se sarà il caso di intervenire.“

L’ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DELLO SPORT DI OGGI

 

error: Content is protected !!