LA TATTICA. DOVE SOTTILI PUO’ FAR MEGLIO DI MIGNANI

COSI’ IL SIENA HA GIOCATO NELL’ULTIMA GARA: (4-3-1-2)
Pane; Rondanini, Sbraga, D’Ambrosio, Iapichino; Bulevardi (42’st Damian), Gerli, Vassallo (42’st Cristiani); Guberti (45’st Panariello); Marotta, Santini.

LIMITARE GUBERTI, CHE GIOCA IN MEZZO ALLE LINEE

 

E’ il giocatore di maggior classe tra i Senesi. L’ex-Perugia è particolarmente abile nel portare palla, sia al trotto che al galoppo, spaziando da destra a sinistra – e viceversa – dietro le due punte e davanti al centrocampo. Sottili chi metterà sulle sue tracce? O lo farà aspettare da centrocampisti e terzini negli spostamenti?

FERMARE MAROTTA, CHE SPAZIA MOLTO E NON E’ BOMBER STATICO 

E’ l’attaccante più bravo, uno di quelli  col fiuto del gol. Ma è anche difficile da marcare in quanto si muove molto, sia lateralmente che all’indietro. Dentro l’area dovrebbe avere pane per i suoi denti con Sini e Rinaldi. Spostandosi all’esterno potrebbe essere ben controllato da Celiento.

OSTACOLARE VASSALLO SULLA SPINTA LATERALE

Sono due anni che il Palermitano è un insostituibile del Siena. Con Mignani ha saputo essere ancora più propositivo. Sarà Baldassin su di lui, con Vandeputte che va a prenderlo il più possibile quando parte da dietro? 

ANNULLARE LE TORRI CHE VENGONO AVANTI SUI CALCI DA FERMO

Rondanini e gli altri sono temibili sui calci piazzati, soprattutto in occasione del calcio d’angolo, ma Jefferson è abituato a mettere a disposizione i suoi centimentri anche in caso di fabbisogno difensivo. Il resto potrebbe farlo Iannarilli, che, nella sfida con Pane, sembra una spanna sopra. 

ED ORA PAROLA AL CAMPO E AL NOSTRO “LIVE”, LA DIRETTA WEB

error: Content is protected !!