IL “CALDO”, L’EX CHE GELA LE SPERANZE DEL COSENZA!

Calderini ***** 

E’ la faccia bella della Viterbese. l’icona del risultato: Senza la sua faccia – con lui in panchina – la Viterbese non ha mai impensierito una sola volta la difesa del Cosenza, nel primo tempo. Con il “Caldo” in campo nella ripresa, i locali non hanno più potuto dormire sonnni tranquilli: laddove prima c’era la sicurezza, all’improvviso sono arrivate le puntate dell’ex. Eppoi il capolavoro del gol, un tiro al volo secco e preciso, che si è insaccato a fil di palo beffando l’incredulo portiere alla propria destra. Ha dimostrato che forse il suo ruolo più azzeccato è proprio quello della seconda punta. La partita più bella da quando il “Caldo” veste il gialloblu!

Rinaldi ****

Un paio di volte è stata attentata la sua sicurezza personale. Prima con una pallonata dove non batte mai il sole e un gran doloro pure per il roccioso difensore gialloblu che ha avuto il suo bel da fare per recuperare in fretta dopo quella botta. E nel finale eccolo tornare in campo con un “turbante”, dopo uno scontro con un avversario, a seguito del quale era rimasto a terra stordito. Per il rresto è stata una grande prestazione: una Viterbese che aveva basato tutto sulla difesa, non poteva che trovare una prestazione così preziosa.

Atanasov *** 

“Ripescato” da Sottili e gettato nella mischia in un giorno in cui c’era da cambiare completamente l’assetto difensivo. Il Bulgaro ha risposto bene, anche se – alla fine – la difesa i due gol li ha presi, ma per fortuna è stata utilissima anche la sconfitta.

Sini ***

Ha “armato” la cerniera difensiva. Stavolta non è andato nè a battere calci d’angoli, nè punizioni, ma è rimasto bloccato nel pacchetto arretrato che doveva solo pensare a non perdere per due a zero.

Jefferson ** 

Quando entra si rivede classe nel reparto offensivo. Con lui e Calderini la Viterbese è un’altra cosa e l’attacco a due punte, anche in futuro, non può che essere composto da questo tandem. 

error: Content is protected !!