LA VITERBESE SUL CORRIERE DELLO SPORT

VITERBO – L’ennesimo scontro d’alta quota al Rocchi termina con un successo del Livorno. E così, dopo il pari con il Pisa, la sconfitta con il Siena dell’andata, è arrivato questo risultato negativo per la Viterbese, che sperava di recuperare terreno in classifica. Due le assenze a sorpresa. Da una parte non c’è l’attaccante Bismark: Sottili al suo posto schiera un altrettanto giovane, Mosti, piazzandolo dietro i due attaccanti Vandeputte e Calderini. Foschi, invece, porta in panchina Bruno, che era dato per favorito ad una maglia da titolare.  

La partita, infatti, si accende subito e il numeroso gruppo di tifosi ospiti si riscalda allo stesso modo – quando (12’) Murilo porta in vantaggio il Livorno. Azione sul fronte destro, dove annaspa Sanè sul bel tocco di Luci: si infila rapido Murilo, che fa partire un beffardo diagonale sul palo lungo che supera Iannarilli. La partita potrebbe riequilibrarsi presto, ma Vandeputte, dieci minuti dopo, si mangia la più clamorosa delle occasioni, mettendo a lato, tutto solo, davanti a Mazzoni. Gol fallito, gol subito, dice una norma non scritta del calcio, e così accade al Rocchi, sul rovesciamento di fronte e relativo traversone dalla sinistra su cui si avventa ancora Murilo, che nessuno marca in mezzo all’area di rigore: è il due a zero!

All’intervallo Sottili tenta di scuotere i suoi, mandando in campo Bismark e Mendez. E Bismark colpisce subito, dopo 5’ della ripresa, girandosi in area e piazzando il pallone alla sinistra di Mazzoni. Sembra un’altra Viterbese, anche perché il Livorno molla qualcosa e riduce il ritmo. Con il trascorrere dei minuti, però, i Toscani rischiano poco e conducono in porto la preziosa gara vincente.

L’ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DELLO SPORT DI OGGI

error: Content is protected !!