C’ERA UNA VOLTA MACALLI E LE COSE NON ANDAVANO BENE…

C’era una volta la serie C e il suo presidente Macalli: le cose non andavano troppo bene e tanta gente si lamentava del suo operato. Molti non vedevano l’ora che uscisse di scena. Ora, dopo qualche anno che questo è avvenuto, dovrebbe andare meglio e invece si stanno verificando situazione mai viste ai tempi di Macalli.

Per cui bisogna fare qualcosa di più importante, che non si fermi agli uomini – nè ai presidenti federali – ma che faccia usare il cervello e il talento nell’organizzazione dei campionati che, per molti, magari solo perchè il mondo di oggi è altrettanto malato, diventa una vera e propria priorità esistenziale.

Ci vogliono teste nuove che cambino la geografia, ma anche la filosofia del calcio, che riformino tutto, dalla serie A fino alla serie C – e possibilmente arrivino ai Dilettanti, che lo sono soltando di fatto – con tempistiche totalmente diverse, che il 10 luglio di ogni anno siano sicure di chi giocherà e quando giocherà.

Solo così non ci si ricorderà che le cose andavano male con Macalli e ancora peggio dopo di lui.

 

error: Content is protected !!