Karting. Castelletto ha assegnato gli ultimi titoli in KZ2, KZ3 e Trofeo Rotax

Si è concluso alla grande il Campionato Italiano ACI Karting, nell’ottava prova sul Circuito 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo (Pavia) per l’assegnazione degli ultimi titoli del Tricolore in KZ2, KZ3 e Trofeo Rotax dopo quelli assegnati la settimana scorsa a Ugento nella 60 Mini, OK-Junior, Trofei Rok e Iame X30.

In KZ2, fra i due protagonisti di fine stagione, il 17enne napoletano Giuseppe Palomba (Intrepid-TM) e il salernitano Francesco Celenta (Praga-TM) già Campione Italiano nel 2016, è tornato in auge il bresciano Giacomo Pollini (Formula K-TM), che aggiudicandosi Gara2 al termine di una combattuta finalissima, ha potuto riconquistare la vetta della classifica e quindi il titolo italiano della categoria dopo aver condotto in testa la prima parte del Campionato. In Gara1 era stato il veloce Simone Cunati (CRG-TM) a vincere la prima finale, seguito sul traguardo da Palomba che con il secondo posto aveva preso un bel margine in classifica, e dal croato Kristijan Habulin (TB Kart-TM). In Gara2 invece Palomba ha patito la griglia invertita prendendo anche una penalità di 10 secondi per partenza anticipata, così come Christopher Hold (Maranello-TM) che ha tagliato il traguardo in prima posizione per lasciare però la vittoria a Pollini, letteralmente scatenato dopo aver recuperato in Gara1 dalla 14ma posizione al quarto posto e poi l’affondo vincente in Gara2 fino al successo. Bellissima gara anche quella di Francesco Celenta, risalito anche lui dal 12mo al quinto posto, e poi terzo sul podio, preceduto da Alessandro Buran (VRK-TM). Peccato per Palomba, ma forse il pilota napoletano ha pagato una minore esperienza rispetto ai suoi rivali.

La classifica finale del Campionato Italiano KZ2
1. Pollini punti 195
2. Palomba punti 182
3. Celenta punti 179

In KZ3 Junior è stato il pilota 20enne di Marostica, Edoardo Tolfo (Formula K-TM) ad aggiudicarsi il titolo grazie soprattutto alla vittoria ottenuta in Gara1 davanti ai rivali di classifica Denis Tuia (Intrepid-TM) e Paolo Castegnetti (GP-TM). In Gara2 una pioggia di penalizzazioni ha condizionato l’ordine d’arrivo, senza influire sul titolo vinto da Tolfo. La gara l’ha vinta Castagnetti, davanti a Gian Marco Loddo (CRG-Tm), che ha ereditato il secondo posto di Fabrizio Del Brutto (CRG-TM) penalizzato per un contatto. Il terzo posto è andato a Dennis Menegatti (VRK-TM) dopo una penalizzazione a Mattia Giannini (Maranello-TM). Tolfo ha concluso ottavo, ma già campione.

La classifica finale del Campionato Italiano KZ3 Junior
1. Tolfo punti 112,0
2. Del Brutto punti 80
3. Castagnetti punti 74

In KZ3 Under quest’anno finalmente il marchigiano Emanuele Simonetti (Tony Kart-TM) ha potuto gioire per il titolo vinto nella categoria dopo che lo scorso anno gli sfuggì sul filo di lana per un ex-aequo che non andò a suo favore. Simonetti si è aggiudicato il titolo in Gara1 nonostante una penalizzazione che lo ha retrocesso in settima posizione, Tricolore sancito poi dalla vittoria in Gara2. La vittoria in Gara1 è andata a Filippo D’Attanasio (Formula K-TM) dopo le penalizzazioni di Alessandro Cavina (Parolin-TM), Emanuele Simonetti e Riccardo Nalon ((Formula K-TM). Secondo si è classificato Marco Pagani (Parolin-TM) e terzo Sirio Costantini (Intrepid-TM). In Gara2 Simonetti si è rifatto con una vittoria netta conquistata davanti a Nalon e Cavina.

La classifica finale del Campionato Italiano KZ3 Under
1. Simonetti punti 89
2. Cavina punti 73
3. Pagani punti 71 

In KZ3 Over la prima finale è stata dominata dal padovano Cristian Griggio (Maranello-TM), mentre il suo più accreditato rivale, Claudio Tempesti (CRG-TM) era costretto al ritiro per un problema tecnico. Secondo si è piazzato Sebastiano De Matteo (Intrepid-TM) davanti a Marco Ruschioni (Intrepid-TM). In Gara-2 le redini della finale sono state prese da Andrea Spagni (Maranello-TM) autore di una bella rimonta dopo una sfortunata fase di qualificazione. Griggio si è piazzato secondo alle spalle del compagno di colori e si è potuto laureare campione italiano della categoria. Terzo sul podio ha concluso Roberto Profico (Tony Kart-TM), che ha riscattato una stagione piuttosto sfortunata dopo essersi rivelato lo scorso anno fra i maggiori protagonisti della categoria.

La classifica finale del Campionato Italiano KZ3 Over
1. Griggio punti 102
2. Ruschioni punti 96
3. Tempesti punti 84 

Nella Rotax Max il friulano Davide Vuano (Praga) ha dominato anche l’evento di Castelletto confermandosi vincitore del Campionato Italiano. Vuano ha vinto Gara1 davanti a Patrick Marchetto (Praga) e Marta Bussola (Intrepid), si è poi ripetuto in Gara2 vincendo su Bussola e su Elia Galvanin (Exprit). Quest’ultimo è stato il vincitore di ambedue le finali nella Rotax Junior.

Emma Segattini (Rotax Junior) si è aggiudicata il titolo Femminile assoluto.

La classifica finale del Campionato Italiano Rotax Max
1. Vuano punti 148,5
2. Bussola punti 90,5
3. Zollino punti 87,5

Nel Trofeo monomarca Naskart ha dominato Moreno Di Silvestre in tutte e due le finali, nella prima vincendo su Christian Castelli e Filippo Lazzaroni, nella seconda su Alessandro Brigatti con Lazzaroni ancora sul podio con il terzo posto. 

error: Content is protected !!