EDIZIONE MAGNUM. VITERBESE, RESA CON ONORE

DI MAURO CUCCAGNA

Al termine di una gara rocambolesca, la Viterbese perde in casa lo spareggio play-off contro la Giana Erminio. 90 minuti dove gli errori in campo e quelli arbitrali hanno dettato per certi versi l’andamento della gara. Risolve in favore degli ospiti il gol di Bruno, contestualmente ad una Viterbese che ha patito la fisicità dei Lombardi. In casa gialloblù le assenze di Celiento e Cenciarelli hanno avuto un certo peso, sopratutto quella del difensore, che spesso aiuta con la sua presenza, meccanismi difensivi al limite della ripetibilità. Ma non deve essere un alibi.

Tanti gol, forse troppi, per una gara che si annunciava tirata e sul filo degli episodi. Invece è scaturita una partita giocata a viso aperto, con alcuni sintomi di tenuta psicologica, che dovranno essere analizzati alla ripresa degli allenamenti. La strada verso un piazzamento comodo nei play- off, si mette in salita, considerando il ritorno prepotente del Piacenza.

Per Cornacchini il lavoro non manca, avendo da un lato la possibilità di centrare l’obiettivo agevolmente, dall’altro l’ipotesi di non cavalcare l’onda con caparbietà anche dopo una sconfitta pesante. Per azzerare la delusione occorre badare al sodo e contare i numeri in classifica alla fine dei giochi. La ricorsa riparte sabato 11 Marzo, il resto conta poco, nonostante i quattro gol subiti

error: Content is protected !!