LA DOPPIA SEDUTA DI IERI E IL LAVORO DI AVVICINAMENTO A…OLBIA

Anche la doppia seduta di Grotte di Castro è corsa via. Leggera, con il morale alto di chi ha ritrovato, in una volta sola, la vittoria e l’entusiasmo.

Puccica ha proseguito suL programma predefinito, abbozzato insieme a Nardecchia appena rimesso piede in casa gialloblu. Per il resto c’è molta impulsività positiva, nel senso che al tecnico di Capranica piace molto “creare” sul momento, in base a quello che vede sul campo di allenamento, alla risposta dei giocatori di fronte a un certo tipo di lavoro, sia esso atletico che tattico.

Non ci si può certo fermare proprio ora, bisogna insistere sull’acceleratore, anche se Puccica ha riconosciuto onestamente di non aver trovato una squadra sulle gambe e – quindi – ha dato atto ai suoi predecessori di averla preparata adeguatamente.

E’ nel carattere, nella personalità, che la Viterbese era diventata carente, al punto di aver intrapreso una preoccupante china.

E su quello è intervenuto subito Puccica, convinto fin dal primo impatto con i giocatori, che potesse nascere una “chimica” importante, assolutamente indispensabile per remare tutti dalla stessa parte.

error: Content is protected !!