VITERBESE-PISTOIESE. LA GARA DELL’ANDATA

PISTOIESE – VITERBESE 2-0

PISTOIESE: Feola; Zanon, Neuton, Priola, Guglielmotti; Luperini, Hamlili, Benedetti; Finocchio; Gyasi, Colombo. A disp: Albertoni, Placido, Sammartino, Gargiulo, Boni, Rovini, Colombini, Proia, Minotti, Varano, Tomaselli. All.: Remondina.

VITERBESE: Iannarilli, Dierna, Cuffa, Diop, Bernardo, Ansini, Neglia, Pandolfi, Cardore, Varutti, Celiento. A disp: Pini, Mallus, Pacciardi, Scardala, Invernizzi, Belcastro, Micheli, Fè, Cenciarelli, Corinti, Marano, Mazzoli. All.: Cornacchini

ARBITRO: Antonio Giua di Olbia

Reti: 88′ HAMLILI, 94′ ROVINI 

Neanche stavolta c’è stato il riscatto, l’arresto di posizioni perse in classifica, dove la Viterbese scivola di settimana in settimana.

Come quaranta anni fa la Viterbese ha perso a Pistoia, con il medesimo risultato, anche se stavolta le potenzialità per evitare questo sgradito bis c’erano tutte. A cominciare da qualche recupero importante, che non ha impedito, però, a Cornacchini di mandare in campo una formazione assai diversa da quella prevista, sorprendendo non poco più di un addetto ai lavori. Che bisogno ci sia stato di togliere Belcastro e Marano per mandare in campo il giovane Anzini e l’esordiente Cardore in molti non l’hanno capito.

Poi, se vogliamo, mettiamo nel conto pure due nuovi infortuni, quelli di Pandolfi e di Scardala (il quale, però, era rimasto fuori dall’undici iniziale – ndr), che possono dare l’idea del momento poco fortunato in casa gialloblu, ma che non possono giustificare la terza sconfitta consecutiva.

Nel finale bisognava serrare le fila e l’esperienza sarebbe stata utile, così come sarebbe stato utile evitare di cadere nella trappola che ha portato Cuffa a reagire ed essere espulso. L’Argentino – ora squalificato – non farà altro che rendere quantitativamente ridotto il gruppo per la Carrarese di domenica prossima alla Palazzina, vero spartiacque del campionato della Viterbese.

(nella foto la gara PISTOIESE-VITERBESE)

 

error: Content is protected !!