LA VITERBESE SUL CORRIERE DELLO SPORT

La fotocopia della partita dello scorso anno al Rocchi! E anche stavolta la Giana Erminio è riuscita a fare il colpaccio, confermando che la sua classifica era stata finora poco veritiera.
La partita è stata bella a vedersi, come tutte le gare che offrono cinque rete, due pali e molti occasioni da gol. Alla fine esultano gli ospiti di Albè e si rammaricano i Gialloblu, primo fra tutti il patron Piero Camilli, il quale ha affermato che la Viterbese “non meritava la sconfitta, però ha giocato davvero male. C’è da cambiare registro, a questo ci penserò io!”
Ed in effetti il registro della squadra di Bertotto in campo è apparso abbastanza fuori fase, con un atteggiamento di grinta e pressing che è durato solo una ventina di minuti. L’inizio, infatti, era stato favorevole alla Viterbese, capace di trovare (9’) il gol iniziale di Cenciarelli, che ha battuto Sanchez con un preciso diagonale, dopo un assist pregevole di Tortori.
Vantaggio, quindi, ma anche un pressing alto, che lasciava pensare ad un pronto riscatto gialloblu, dopo la prima sconfitta stagionale subita a Pisa.
Ed invece la partita è improvvisamente cambiata, in concomitanza con il gol del pareggio di Bardelloni (12’), che ha capitalizzato un suggerimento ispirato di Pinardi, vero “cervello” degli uomini di Albè. Mancava il bomber Bruno, una defezione che poteva sembrare pregiudicante per il potenziale offensivo dei Lombardi ed invece non lo hanno fatto rimpiangere Bardelloni e Chiarello. Quest’ultimo addirittura realizzando una doppietta, quella che ha spaccato definitivamente la gara, nonostante Jefferson (12’ della ripresa) avesse messo sotto l’incrocio dei pali il pallone del due a due, poco prima di essere sostituito da Razzitti.
 L’ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DELLO SPORT DI OGGI

error: Content is protected !!