VITERBESE-PONTEDERA: COSI’ LO SCORSO ANNO

Viterbese C.-Pontedera 3-0

VITERBESE CASTRENSE (4-3-3): Iannarilli 7; Celiento 6 Dierna 6,5 Scardala 6,5 Pacciardi 6; Marano 6,5 (14’ st Cruciani 6) Cuffa 6,5 Cenciarelli 6,5; Diop 6 (24’ st Varutti 6), Sforzini 6 (37’ st Invernizzi sv), Neglia 7. A disp. Pini, Mallus, Belcastro, Paolelli, Bernardo, Ansini, Pandolfi, Cardore, Mazzolli. All. Cornacchini 6,5

PONTEDERA: (4-3-3): Lori 5,5; Risaliti 5,5 Vettori 6 Polvani  6 Corsinelli  5,5 (23’ st Zappa sv); Gemignani 5,5 (23’ st Cais sv),  Della Latta 6 Calò 6; Bonaventura 6 (33’ st Udoh 6) Disanto 6 Santini 6. A disp. Citti, Giacomel, Borri, Gemignani, Chella, Calcagni, Videtta, Kabashi. All. Indiani 6

ARBITRO: Mastrodonato di Molfetta 6

Guardalinee: Bologna e Graziano   

MARCATORI: 24’  pt Marano (VC), 40’ st  e 44’ st Neglia (VC)

AMMONITI: Celiento (VC), Sforzini (VC), Santini (P)

NOTE: Spettatori 2 mila circa, incasso non comunicato. Angoli 5-4 per il Pontedera. Recupero, pt 0′, st 3’.

VITERBO – Prosegue imperterrita la marcia della Viterbese, che inanella la sua quarta vittoria consecutiva e continua ad essere la seconda difesa d’Italia, oltre a consentire al portiere Iannarilli di raggiungere  i 483’ di imbattibilità.

Il punteggio finale è rotondo, ma gli ospiti lo avevano contenuto per gran parte della gara, circoscrivendolo al vantaggio di Marano, quello con cui nel primo tempo (24’) aveva portato in vantaggio la squadra di Cornacchini, in contropiede, con un tiro di piatto finito a fil di palo alla destra del portiere Lori.

Un Lori che non è sembrato concentratissimo in occasione del raddoppio della Viterbese, della prima realizzazione di Neglia, nel finale di gara (40’) con un tiro forte da venti metri terminato, stavolta, alla sinistra dell’estremo difensore toscano.

In mezzo c’è stata una lunga parte di gara in cui la Viterbese ha amministrato il vantaggio, contenendo abbastanza agevolmente un Pontedera che non ha creato grossi pericoli per la porta di Iannarilli, ad eccezione di un tiro di Bonaventura (6’) su cui il portiere di casa si è opposto da campione.

Come già accaduto contro il Renate, gli uomini di Cornacchini hanno gestito la gara per poi lanciare un paio di “fiondata” nel finale, rendendo più corposo il punteggio. In questo caso il protagonista è stato Neglia, il quale (44’) ha chiuso virtualmente l’incontro con il suo secondo gol, un tocco ravvicinato – in mezzo ad una difesa ormai in difficoltà, dopo che si era battuta abbastanza bene  – su prezioso assist di Cenciarelli.

Cornacchini, quindi, ha raccolto un altro successo e nel finale ha gettato nella mischia tre pedine a sua disposizione, i vari Cruciani, Varutti e Invernizzi, a dimostrazione del bel momento di cui godono i suoi e della conferma del secondo posto in classifica.

error: Content is protected !!