EDIZIONE MAGNUM. IL SOLE SULLA VITTORIA GIALLOBLU. MARTEDI’ ALLE ORE 20.30

VITERBESE-CARRARESE DI MARTEDI’ PROSSIMO SI GIOCHERA’ ALLE ORE 20.30

Quando il “meteo” fa le bizze e per la stessa gara, sullo stesso campo, si passa dal diluvio al sole. E’ partita così l’avventura gialloblu dei playoff. Senza bisogno di riflettori della Palazzina: è stato sufficiente qualche “bagliore” in campo degli uomini di Sottili, in un venerdì del tutto particolare, di uno “spezzatino” della Serie C, che non piace davvero a tutti.

Per superare il turno ed essere di nuovo in lizza, sempre al Rocchi, nella gara di martedì prossimo, bastava pure un pareggio, con il Pontedera, ma la Viterbese non ci ha pensato neanche un attimo ed ha giocato per la vittoria.

Non c’è il pubblico delle grandi occasioni (anche una cinquantina di supporters toscani), che assiste ad un avvio con qualche scontro di gioco, apparentemente fortuiti, con più di un giocatore che ricorre alle cure dei rispettivi staff sanitari.

Sottili chiede subito maggiore fluidità di manovra, visto che il Pontedera inizia con decisione, chiudendo bene i diversi spazi del campo. Ma per una squadra che deve vincere è davvero pochino, così come Contini non si conferma così bravo sulla prima vera opportunità offensiva della Viterbese, un calcio di punizione di Vanteputte, su cui il portiere parte in ritardo e non arriva sul pallone, che scavalca la barriera e si abbassa quasi a pelo d’erba.

Siamo praticamente alla mezzora e la qualificazione è già incassata, visto che questo Pontedera dovrebbe, a questo punto, segnare due gol, un po’ “tantino” per chi non si è mai avvicinato dalle parti di Iannarilli.

E infatti arriva puntuale, dieci minuti più tardi, il raddoppio della “Sottili-band”, che manda in gol Baldassin, di testa da due passi. Per il centrocampista del ’94 si tratta del quinto gol stagionale, dopo 42 gare giocate con la casacca gialloblu.

Nella ripresa diverse sostituzioni per Sottili ed anche una pressione che diminuisce, mentre i nuovi entrati del Pontedera danno qualcosa in più. Ci scappa il calcio di rigore, per un fallo su Raffini e gol dal dischetto di Grassi, che batte con un preciso tiro Iannarilli alla propria destra. Lo stesso Iannarilli, un minuto più tardi, è bravissimo a deviare in angolo una rasoiata dello stesso Grassi, rivitalizzatosi all’improvviso, dopo un primo tempo incolore.

error: Content is protected !!