PRONTO MAGALINI, DIESSE CHE CAMILLI EBBE GIA’ A GROSSETO

Giuseppe Magalini, 55 anni, inizia la sua carriera di direttore sportivo nelle giovanili del Chievo, dove resta fino al 2004, poi approda al Mantova dove con Di Carlo, porta i virgiliani dalla C2 alla finale play-off per la Serie A, ma il Torino ha la meglio. Il suo lavoro a Mantova finisce a giugno 2010, quando la squadra del presidente Lori retrocede in C1. Accetta l’offerta del Portogruaro e sceglie l’esordiente Corini per la panchina. Il giorno della partenza per il ritiro, però, Corini si dimette e lascia il club, seguito da Magalini: il motivo sono le divergenze rispetto alle idee della società. Nell’ottobre 2010 viene nominato d.s. della Cremonese incarico che lascerà l’aprile successivo.  Poi diventa ufficialmente d.s. del Grosseto, appena retrocesso dalla B. L’anno successivo il passaggio all’Alessandria, con la quale quest’anno ha costruito la squadra per il salto in B. Poi qualcosa si è incrinato fra i grigi, la squadra ha cambiato marcia e, dopo vari sussulti, il presidente Di Masi ha sollevato il suo direttore in data 1° maggio 2017.  

error: Content is protected !!