BOCCIATI GLI AZZURRI E SAGAN. TRIONFA VALVERDE A 38 ANNI!

Nelle pagelle del Mondiale di ciclismo ci sono diverse insufficienze, tra cui spiccano quelle dell’Italia e quella di Sagan, che ha mollato subito, ritenendo proibitiva una salita  che, invece, non ha fermato i primi quattro all’arrivo, di certo non scalatori, ma gente abituata a fare anche volate!

Gli Azzurri da volta pagina, senza punte – senza tacchi – con il solo Moscon rimasto fino a che la gara non ha avuto l’epilogo decisivo: in quel momento si sono perse le sue tracce.

E alla fine non vince certo un giovane di belle speranze, ma un 38enne che ancora sa cosa vuol dir lottare, che ha incamerato la rabbia giusta in sei precedenti occasioni, quando è salito sul podio senza mai vincere.

Lo Spagnolo della Movistar non ha sbagliato mosse, mettendo dietro Woods, Bardet e Dumoulin, lanciando la volata ai 400 metri dal traguardo, imponendosi quasi per distacco.

Qualcuno dice che il grande deluso di giornata sarebbe Alaphilippe, tra i favoriti, o i Colombiani, c che dire di Nibali, quarantanovesimo a più di sei minuti di distacco.

 
 
error: Content is protected !!