AMARCORD. IL CIVITA CASTELLANA LANCIATO VERSO IL TRAGUARDO FINALE …

ERA IL 2005 …

CIVITA CASTELLANA – La volata è più che mai lanciata. La corsa si sarebbe anche potuta frenare per via del pareggio interno con il San Filippo Neri, ma la concomitante sconfitta del Pisoniano ha messo ancor più le ali alle speranze civitoniche di tagliare il traguardo con il primato in tasca.

E così, dopo l’intera posta ottenuta nel derby di Bassano Romano, il Civita Castellana ne ha lasciati due ai romani, a dimostrazione delle accresciute difficoltà nel finale di campionato per tutte le squadre d’elite, nonché la dimostrazione di un calendario che, forse, è meno favorevole di quanto non pensasse il tecnico rossoblu, che sta inseguendo la grande impresa.

“Andiamo avanti così – dice Tommaso Volpi – e archiviamo un’altra giornata positiva. Potevamo incamerare di più, ma non è un problema, perché abbiamo preso un punto contro una grande squadra, che ci ha messo in difficoltà.

Non ho problemi a fare i complimenti ai nostri avversari: contro di loro, raggiungere il pareggio in inferiorità numerica ci ha dato una molla non indifferente.

L’unico rammarico è quello di non esserci espressi nei nostri soliti livelli, ma quando giochiamo in casa è come se qualcosa ci blocchi.

Non è un caso che la nostra stagione ce la siamo costruita prevalentemente in trasferta, grazie alle nove vittorie in quindici gare disputate.   

Abbiamo comunque dimostrato carattere a non farci sorprendere da un avversario giustamente gasato dall’essersi ritrovato in vantaggio a pochi minuti dalla fine e in superiorità numerica, ma i ragazzi ci creduto fino alla fine.

E’ stata una gran bella partita e la sconfitta del Pisoniano alla fine è ben accetta e ci fa guadagnare addirittura un punto sulla squadra tiburtina”.

E domenica si riparte, quasi in apnea per via della settimana estremamente lunga. Per il Civita Castellana una trasferta sul rettangolo del Sabinia, che rende ottimista l’ambiente rossoblu, per due motivi.

Innanzitutto perché il Civita Castellana negli ultimi tempi è apparso molto più brillante fuori casa, dove ha raccolto più del doppio dei punti, eppoi perché con il Sabinia c’è un conto  da regolare, quella sconfitta interna prima di Natale che sembrò tarpare anzitempo le li alle velleità di alta classifica del gruppo del presidente Ciappici.

Sono queste motivazioni importanti per l’undici di Volpi (che mercoledì scorso ha perduto l’imbattibilità interna a livello di gol), un undici che dovrà fare a meno di uno dei suoi uomini più carismatici, il bomber Bizzarri, espulso contro il San Filippo Neri.

L’assenza è pesante, ma in casa rossoblu non mancano certo gli attaccanti: probabilmente toccherà a Santoprete prendersi quella maglia e, forse, la rivincita per il calcio di rigore sbagliato contro il San Filippo Neri.

Ieri riposo completo per la squadra, che ritorna  a lavorare oggi pomeriggio a Carbognano, cosa che farà anche domani mattina, nella stessa località dei Monti Cimini, per preparare nel migliore dei modi la trasferta in terra sabina.

“L’importante è rimanere concentrati – conclude il tecnico cimino – ed affrontare il Sabinia senza guardare la classifica, magari pensando allo scherzetto che ci fecero i nostri avversari all’andata.

La condizione fisica e il morale dei ragazzi mi fanno essere ottimista e speriamo di fare un ulteriore passo in avanti in classifica.”

error: Content is protected !!