Il bilancio del 21° “Mini Festival di Viterbo”

Il lavoro della giuria – qualificatissima e variegata, formata da 11 elementi e presieduta dal grande M° Enzo Campagnoli – è stato veramente improbo; in ogni caso, alla fine, qualcuno doveva pur vincere, ed è toccato ai seguenti giovani artisti:

Cat. 6-11 anni:

  1. Ester Maria Grienti (11 anni, Civitavecchia), con il brano “Doppiamente fragili” (A. Tatangelo);
  2. Matteo Lupi (11 anni, Formello), con il brano “La rondine” (Mango);
  3. Miriam Colaiacomo (10 anni, Colleferro), con il brano “On my own” (N. Costa).

Cat. 12-15 anni:

  1. Veronica Boni (15 anni, Vitorchiano), con il brano “Killing me softly” (Jessie J.);
  2. Sophia Barzotti (15 anni, Roma), con il brano “I put a spell on you” (J. Stone);
  3. Letizia Passini (12 anni, Fabrica di Roma), con il brano “Oltre l’orizzonte” (Col. Son. “Oceania”).

Cat. 16-20 anni:

  1. Alessia Montesano (20 anni, Nepi), con il brano “Je t’aime” (L. Fabian);
  2. Ilaria Ferrari (16 anni, Bracciano), con il brano “Grido d’amore” (Matia Bazar);
  3. Martina Celommi (16 anni, Monterotondo), con il brano “Giudizi universali” (S. Bersani).

Tutti i ragazzi sopra elencati hanno ricevuto il trofeo con l’esclusivo logo del Mini Festival di Viterbo e potranno partecipare – a titolo gratuito – alla Master Class di primavera, che sarà realizzata in collaborazione con il M° Alex Parravano.

Tuscia in Jazz, Rovers Music Production, Premio Eleonora Lavore, Accademia Why not, Fuoriclasse Talent e Tuscia Talent Voice – con le quali abbiamo avuto la fortuna e il piacere di intessere una collaborazione che potrà diventare ogni anno più proficua – daranno la possibilità ai premiati di partecipare ai loro corsi formativi e concorsi musicali.

Il duo di presentatori formato dai giovani Giulia Anesini (cantante) e Stefano Fapperdue (alias mago Stefanclod) ormai è rodato e piacevolissimo!

Infine, è stato davvero apprezzatissimo l’intervento del Sindaco di Viterbo – Giovanni Arena – che ha speso parole toccanti nei confronti della manifestazione e che è rimasto molto impressionato dalla qualità dei giovani artisti in concorso.

Da parte dell’Associazione Omniarts – presente sul palco nelle persone di Pierluigi Alberti, Fabio Barili e Paolo Moricoli – un particolare ringraziamento va a Roberto Anesini che, come di consueto, ha curato la parte tecnica del concorso, ed al “padrone di casa”, Don Luca Scuderi.

 

 

error: Content is protected !!