OGGI IN EDICOLA …

VITERBO – Con un occhio alla sfida alla capolista di domani e un occhio al mercato che prosegue, anche se il grosso la Viterbese sembra averlo già fatto. Di sicuro cercherà di tenere i pezzi migliori, primo fra tutti quel Vandeputte rigenerato dopo l’arrivo di Sottili, che gli ha inventato una posizione diversa, sul fronte sinistro, la famosa a “piede invertito”.

Un’impennata del rendimento che non è passata inosservata e per l’attaccante esterno belga sono tornate le “sirene del mercato”, quelle che lo scorso anno coincisero con un’inversione decisa del proprio rendimento.
Stavolta sembra più attento, totalmente concentrato sulla Viterbese e sulle potenzialità attuali.
“Le voci di mercato – conferma Vandeputte – non mi interessano. La cosa più importante, per me, è la Viterbese. Ho avuto difficoltà all’inizio della stagione, per via di un problema muscolare, un fastidio al flessore: ora sto bene e i miglioramenti di salute hanno coinciso anche con un rendimento migliore. Cerco di aiutare la squadra con le mie prestazioni, ma importante è il collettivo. I complimenti per il gol segnato fanno piacere, ma se avessi potuto scegliere, mercoledì scorso, avrei sicuramente preferito vincere la partita.”
E’ un pensiero generale, anche quello del patron Camilli, il quale non è stato affatto contento della prova della squadra, di una squadra che deve pensare ora partita per partita, perché giocare due volte a settimana non è cosa semplicissima.

error: Content is protected !!