AMARCORD. LA FOGLIANESE SALE IN PROMOZIONE

ERA IL 2005….

VETRALLA– Passaggio storico per il calcio vetrallese, che mai era riuscito a salire nel campionato di Promozione. Aveva vissuto un paio di momenti importanti, negli anni 70, con il Vetralla dei vari Biancucci, Andreoni e Muscoli, eppoi negli anni 80, con il Cura di Patacca, Solfanelli, Sava.

Non andò benissimo, alla fine, in entrambi i casi e la cosa sfumò un po’, fino a due anni fa, quando un’idea dell’assessore allo sport Chiurazzi (che aveva fatto il dirigente proprio nel Cura che sfiorò l’impresa) venne recepita con intelligenza dai responsabili di Cura, Vetralla e La Botte, le tre espressioni calcistiche del territorio, che andavano, in questo modo, a disperdere energie preziose.

Nacque così la Foglianese e da allora prese corpo anche un  programma ben definito, con dirigenti giovani e vogliosi di far tornare il calcio vetrallese a livelli di interesse sul territorio comunale ed oltre.

Trionfale il cammino della Foglianese imbattuta nell’intero campionato e con soli nove gol subiti, oltre ai sedici punti di vantaggio sulla seconda della classe, con il portiere Borrielli in grande evidenza, Belloni cannoniere della squadra, Simonetto centrocampista dalla punizione facile e Goletti giovane emergente.

L’ha condotta a questo importantissimo traguardo (ottenuto superando per strada, via via, Ronciglione  e Latera) il tecnico locale Francesco Giordano, il quale è subentrato a Nori a campionato iniziato.

“Questa squadra ci ha dato grandi soddisfazioni – dice Giordano – è sono stato felice di aver guidato un gruppo così compatto e di qualità, che è riuscito a ricreare anche l’entusiasmo nell’ambiente. Abbiamo ottenuto punti sempre, abbiamo giocato molto spesso bene, cercando il gol con tutti gli elementi della rosa. Adesso ci godiamo questo momento, poi penseremo al futuro.”

Da domenica scorsa, dalla vittoria di Bassano in Teverina, è già cominciata la festa, anche se per quella ufficiale si stanno ancora vagliando diverse soluzioni.

E con Giordano la Foglianese ha ripreso a volare, riproponendosi come squadra da battere, senza nascondere dietro un dietro le proprie velleità, aumentando il divario sulle inseguitrici.

LA ROSA

PORTIERI:

Borrielli Danilo (80), Ippoliti Simone (86), Viviani Gianluca (71)

DIFENSORI:

Capecchia Stefano (74), Colosi Francesco (84), De Luca Marco (73), Frateiacci Angelo (81), Frontoni Enrico (70), Regio Valentino (78), Trebisondi Giovanni (72)

CENTROCAMPISTI:

Capoccia David (84), Chiurazzi Mauro (76), Malcosti Massimiliano (80), Simonetto Andrea (77)

ATTACCANTI:

Belloni Angelo (77), Feoli Cristiano (79), Fa Andrea (87), Goletti Daniele (82), Moretti Erasmo (75), Natali Mario (73).

ALLENATORE: Francesco Giordano

Preparatore Portieri: Canensi Massimo

Fisioterapista: Fabrizio Franceschetti.

VETRALLA LA STORIA

Quasi dodicimila gli abitanti sul territorio del Comune di Vetralla, che comprende anche le frazioni di Cura e Botte, la cui unione delle forze calcistiche ha dato vita alla Foglianese, che prende il nome dal locale Monte Fogliano.

Da sempre meta dei romani villeggianti, per la sua quiete e per i genuini prodotti agricoli, il simpatico centro sito sulla Cassia che da Roma porta a Viterbo, e che, secondo la leggenda,  discenderebbe addirittura da Noè il quale avrebbe scoperto l’ottimo vino prodotto nella zona.

Per questo, sembra,  grappoli d’uva e tralci di vite campeggiano in bella evidenza nello stemma comunale. Lo “sposalizio dell’albero”, a maggio, è una tra le manifestazioni culturali e folcloristiche che arricchiscono il panorama vetrallese. In auge anche la Sagra del fungo porcino e il Presepe vivente, che richiamano moltissimi visitatori lungo le vie del centro storico di Vetralla e di quello di Cura.

error: Content is protected !!