COSI’ L’ULTIMA VOLTA ALLA PALAZZINA, IL 20 MAGGIO…

Viterbese C. 1   Pisa 0

VITERBESE CASTRENSE (4-3-3): Iannarilli 7; Celiento 6.5 Rinaldi 7 Sini 7 De Vito 6; Baldassin 6 (28’ st Benedetti sv) Di Paolantonio 6.5 Cenciarelli 6.5; Vandeputte 6 (20’ st Peverelli sv) Jefferson 7 Calderini 6 (33’ st Sanè sv). A disp.: Pini, Micheli, Atanasov, Pandolfi, De Sousa,  Bismark, Mosti, Zenuni, Mendez. All.: Sottili 6.5.

PISA (4-4-2): Voltolini 6.5; Birindelli 6 Sabotic 6 Ingrosso 6 Mannini 5.5 (1’ st Filippini 5.5); Lisi 5.5(28’ st Maza 6) Gucher 6 De Vitis 6 Di Quinzio 5.5 (20’ st Giannone sv); Masucci 5.5 (28’ st Negro sv) Eusepi 5.5. A disp.: Reinholds, Campani, Lisuzzo, Maltese, Giani, Setola, Izzillo, Cagnano. All.: Petrone 5.5.

ARBITRO:  Zanonato di Vicenza 5.5.  

Guardalinee: Spiniello e Avalos.

Quarto uomo: Robilotta.

RETI:  33’ pt  Sini (VC),

AMMONITI:  Mannini, Di Quinzio (P); Jefferson, De Vito, Rinaldi (VC).

NOTE: Spettatori 3000 circa, con larga rappresentanza ospite. Angoli 5-3 per il Pisa. Recupero pt 1’ st 3’.

VITERBO – La Viterbese vince e continua a sperare nei playoff! Qualche sorpresa con le formazioni iniziali. Sottili schiera Jefferson – dato per infortunato – e promuove De Vito a terzino destro, dove aveva giocato molto bene Peverelli nelle due precedenti gare dei playoff. Petrone rinuncia ai pronosticati Lisuzzo e Filippini, gettando nella mischia Mannini e Lisi. Dopo una giornata di sole, s’inizia su un campo allentato per la pioggia iniziata a cadere un’ora prima dell’incontro: gli ombrelli rimangono aperti fino al momento del fischio d’avvio del Veneto Zanonato.

Il migliaio di supporters ospiti danno probabilmente verve ai Pisani in campo, visto che, per una mezzora buona, Mannini e compagni gestiscono la maggior parte dei palloni e si rendono pure pericolosi più volte dalle parti di Iannarilli, il quale è bravo (23’ e 27’) a respingere.

Il Pisa aveva osato di più, anche all’inizio, con Masucci alto dopo dieci minuti e Birindelli ancor più alto quattro minuti dopo, “imitato” (16’), successivamente, da Mannini.

Poi cambia tutto. E’ sufficiente un calcio di punizione dal limite, fischiato da un arbitro che ha lasciato correre troppo nel primo tempo, rischiando che più di uno scontro di gioco potesse degenerare. Il fallo è ingenuo: il fronte di battuta è quello destro per la Viterbese e si incarica del tiro (33’) lo specialista Simone Sini, l’ex di turno.

Il tiro di sinistro passa in mezzo alla barriera e batte – alla propria sinistra -l’incolpevole Voltolini, il quale, fino a quel momento, era stato molto attento e continuerà ad esserlo fino all’intervallo, visto che la Viterbese avrà un sussulto dopo questo gol – lo stesso Sini ripeterà una punizione molto simile, anche se stavolta non vincente – e sui piedi di Calderini e Vandeputte ci sarà il possibile colpo del ko.

Nella ripresa la Viterbese gestisce bene il vantaggio e il Pisa non fa niente di particolarmente importante per cambiare il punteggio finale, che permetterà ai Gialloblu di Sottili di giocare per due risultati su tre mercoledì prossimo.

error: Content is protected !!