GIALLOBLU, ESAME DI MATURITA’ IN SICILIA

Sarà un “copia e incolla” della gara di mercoledì scorso? Sembrerbbe di no. Anziché al Rocchi, si giocherà in Sicilia,, al posto della Coppa Italia, ci sarà il campionato, con posizioni di testa da attaccare da parte del Trapani.

Cambieranno anche abbastanza gli schieramenti in campo, più che mai quello dei padroni di casa, che getteranno nella mischia i migliori, anche quelli tenuti a riposo nella serata viterbese di Coppa. Perderanno, comunque, il loro miglior difensore, Scognamillo, il che potrebbe rappresentare un ostacolo in meno per gli attaccanti gialloblu.

Potrebbe, però, non essere solo una questione di uomini, ma di brillantezza in campo, del miglior recupero dei giocatori più importanti con cosi poco tempo a disposizione.

Sono diversi i giocatori non al meglio delle condizioni fisiche, ma la società ha aggregato tutti per questa sfida, anche se, come detto, alcuni non saranno in grado di scendere in campo. Per questa occasione Calabro potrebbe anche ripassare al 3-5-2, lasciato da parte per la sfida di Coppa Italia. E, proprio per la situazione degli “acciaccati”, potrebbe far partire dall’inizio un tandem offensivo giovane, con Bismark abbinato a Molinaro o a Zerbin. Polidori, che ha accusato qualche dolore di troppo dopo la partita di mercoledì scorso, potrebbe partire dalla panchina e subentrare a gara in corso. Torna a disposizione Cenciarelli e potrebbe riprendersi una maglia a centrocampo, dove Calabro dovrebbe confermare un De Giorgi interdittore esterno e decidere per la cabina di regia, per Damiani o per Palermo, oppure per tutti e due insieme.

error: Content is protected !!