COSI’ L’ULTIMA VOLTA…

VITERBESE C. 2 CATANIA 0 (DEL 24 FEBBRAIO 2019)

VITERBESE CASTRENSE (3-5-2): Valentini 6; Atanasov 6.5 Rinaldi 6.5 Sini 6.5; De Giorgi 6.5 (45′ st Coda sv) Baldassin 7 Damiani 6 (45’ st Palermo sv) Tsonev 6.5 (15′ st Cenciarelli 6) Mignanelli 7; Polidori 7 (28′  st Zerbin 6) Vandeputte 6,5 (28′ st Bismark 6). A disp.: Demba, Sparandeo, Milillo, Coppola, Artioli, Molinaro, Pacilli. All. Calabro 7.

CATANIA (4-3-3): Pisseri 5; Aya 5 Silvestri 5 Esposito sv (40′  pt Carriero 5) Baraye 6,5; Lodi 5 Biagianti 5.5 (28’ st Angiulli 5) Rizzo 5 (1′  st Sarno 6); Manneh 6 (19′  st Brodic 6)  Marotta 5 Di Piazza 5 (19′ st  Curiale 5). A disp.: Pulidori, Lovric, Marchese, Valeau, Bucolo, Liguori. All. Sottil 5.

ARBITRO: Campolone di Pescara 5.5.

Guardalinee: Melchiorre e Gentileschi.

MARCATORI: 3’  pt  e 45’ pt (rig.) Polidori (VC).

AMMONITI: Silvestri, Aya (C), Vandeputte, Polidori (VC).

NOTE: Angoli 6-4 per la Viterbese. Spettatori 1500 circa, con rappresentanza ospite di un’ottantina di unità. Recuperi pt  1’ st 4’.

VITERBO – La Viterbese ritrova tre punti “griffati”, legittimandoli con una superiorità espressa in ogni zona del campo nei confronti del Catania. Superiorità, peraltro, ribadita anche sul piano della grinta e del dinamismo, che pure avrebbero dovuto fare difetto ai padroni di casa, che hanno giocato più spesso e che non si sono fermati mai. Ma quelle gambe – che, nei giorni precedenti, il patron Camilli aveva collegato ai troppi chilometri di viaggi e trasferte – stavolta hanno girato a dovere, anche nel secondo tempo, frazione in cui la Viterbese, nel recente passato, aveva mostrato i suoi momenti di criticità.

Probabilmente ha aiutato dal gol-lampo, ma è altrettanto vero che mai il Catania ha dato l’impressione di poter reagire in modo pericoloso, lasciando a Valentini – e alla pur attenta linea difensiva – l’ordinaria amministrazione.

Il gol iniziale, dunque, il primo di una fiammante doppietta messa a segno da Polidori. Il “ragazzo di Tuscia” ha impresso (3’) al pallone una potenza inaudita, colpendolo in mezzo a una difesa dormiente, a cominciare dal portiere Pisseri, che non trattiene il pallone calciato precedentemente da Vandeputte. La sfera

impatta sotto la traversa e per un attimo la Viterbese ha il timore di rivivere l’incubo di Reggio Calabria, ma stavolta, il pallone che rimbalza in terra è immediatamente giudicato oltre la linea bianca.

Non fa una piega, come detto, lo svantaggio ai Siciliani, che non cambiano passo e latitano in quelli che dovrebbero essere i loro uomini migliori e la Viterbese imperversa a centrocampo, dove Calabro indovina la migliore composizione a cinque e il tandem Baldassin-Mignanelli sembra di un’altra categoria. Così come Vandeputte, dopo tanta panchina, torna ad essere un protagonista e la spalla ideale per Polidori, il quale festeggia il suo compleanno andando sul dischetto (45’) per calciare un bel rigore: Pisseri da una parte e il pallone dall’altra. Partita praticamente finita già all’intervallo, anche se, tanto per non farsi mancare nulla, la Viterbese colpisce nel finale (43’) anche un palo con Baldassin. Silenzio stampa del Catania.

error: Content is protected !!