EDIZIONE MAGNUM. QUANDO IL QUINTO POSTO…

Quando dicevamo che il quinto posto era già in tasca della Viterbese soltanto con quello che sarebbe arrivato dalle gare di recupero è stato confermato anche all’ombra dell’Etna, dove i Gialloblu hanno brindato per un meritatissimo successo corsaro, che, nel finale, avrebbe potuto addirittura – con possibili gol di Pacilli e Molinaro – i contorni di una tronfo storico.

Un successo meritato per una squadra che ha saputo gestire la stanchezza cercando di muoversi eno possibile, presidiando con fermezza le posizioni e sbagliando meno palloni possibili. Tutto è stato poi coronato dall’erroraccio del portiere, ma Tsonev è stato bravissimo a mettere d’astuzia il pallone proprio lì, dove vedeva il palo alla sinistra dell’estremo difensore ospite, che mai si vede in casi di questo genere.

Una Viterbese che ha rischiato poco, sia per meriti propri che per demeriti – notevoli – dei padroni di casa, che hanno confermato, come già era successo a Viterbo, di essere tutt’altro che una corazzata e che Novellino ha mantenuto all’incirca su quei livelli assai insufficienti. Se oggi a qualcuno che non aveva mai visto all’opera i giocatori in campo, fosse stato chiesto chi, tra Palermo e Lodi, avesse giocato in serie A, la risposta sarebbe stata scontata: ma quello con i capelli più lunghi, la maglietta bianca e i pantaloncini gialli!

1. Juve Stabia 65 
2. Trapani 64 
3. Catanzaro 57 
4. Catania 57 
5. Potenza 47 
6. Viterbese 44
7. Monopoli 44
8. Virtus Francavilla 43 

9. Vibonese 42 
10. Casertana 41 
11. Rende 40 
12. Cavese 40 
13. Reggina 40 
14. Sicula Leonzio 39 
15. Siracusa 32 
16. Rieti 32 
17. Bisceglie 29 
18. Paganese 14

error: Content is protected !!