CANDELLONE CAMBIA LA RIPRESA: GIALLOBLU ELIMINATI!

ERA IL 3 GIUGNO 2018…

I GOL

PRIMO TEMPO ———

SECONDO TEMPO

3′ COSTANTINO (Candellone si procura subito un corner che batte bene Frascatore per la testa vincente di Costantino, che batte l’incolpevole Iannarilli)

 

49′ CANDELLONE (con la Viterbese sbilanciatissima in avanti alla ricerca del pareggio è partito il contropiede di Candellone, l’uomo che ha cambiato il secondo tempo dei Biancorossi, il quale ha battuto Iannarilli)

LE FORMAZIONI

VITERBESE (4-3-3): Iannarilli; Celiento, Rinaldi, Sini, De Vito; Baldassin, Di Paolantonio, Cenciarelli; Mosti, Jefferson, Calderini. In panchina: Micheli, Peverelli, Bismark, De Sousa, Mendez, Vandeputte, Zenuni, Sanè, Pini, Pandolfi, Atanasov, Benedetti . Allenatore: Stefano Sottili

SOSTITUZIONI:

Peverelli per Cenciarelli, Vandeputte per De Vito, De Sousa per Mosti

SÜDTIROL (3-5-2): Offredi; Erlic, Sgarbi, Vinetot; Tait, Broh, Berardocco, Fink, Frascatore; Costantino, Gyasi. In panchina: D’Egidio, Bertoni, Cia, Smith, Zanchi, Baldan, Cess, Boccalari, Oneto, Gatto, Heatley Flores, Berardi, Candellone
ARBITRO: Vincenzo Valiante di Salerno (Ruben Liveratto Agnotti di Bologna e Abou Elkhayr Driss di Conegliano, gli assistenti; Paride de Angeli di Abbietegrasso, il quarto ufficiale)

LA GARA

Per qualificarsi il Südtirol ha a disposizione due risultati su tre, mentre la Viterbese non ha alternative alla vittoria.

Nel secondo round contro la Viterbese, Zanetti non può disporre degli acciaccati Cess e Roma E conferma 10 undicesimi della formazione iniziale che ha pareggiato a Viterbo. La novità è rappresentata dal rientro, dopo la squalifica, di Gyasi, che torna a far coppia in attacco con bomber Costantino, con Candellone inizialmente in panchina, che pure era stato decisivo alla Palazzina.

 

Tutti disponibili per Sottili, il quale – a sorpresa – sceglie Mosti per l’attacco, anche se le caratteristiche del numero trenta gialloblu sono completamente diverse da quelle di Vandeputte, di cui ha preso il posto.

Fa un certo effetto sentire lo speaker dello stadio parlare nella doppia lingua e, comunque, con un accento tipico delle zone dove si parla anche il Tedesco.

Lo stadio registra il tutto esaurito e anche la rappresentanza gialloblu sugli spalti si fa notare.

Il primo quarto d’ora è dei padroni di casa, che vanno per tre volte vicini al gol. Al 15′  succede di tutto: mani di Rinaldi, miracolo di Iannarilli, ma, al termine dell’azione, l’arbitro archivia con un fuorigioco. Il contropiede della Viterbese è sempre pronto, ma alla mezzora il risultato è ancora quello iniziale. E’ Iannarilli è eccellente in uscita su Gyasi lanciato a rete. E si ripete subito dopo.

 

Chi non concretizza – nel calcio – va a finire che rischia molto ed infatti il finale di tempo è gialloblu, soprattutto per il palo di Jefferson, ma anche perchè il contropiede comincia a farsi più pericoloso dentro l’area di rigore sudtirolese.

All’intervallo Zanetti manda in campo – giustamente – Candellone al posto di Gyasi che ha fatto disastri, sia in fase di attacco, sia nei falli commessi, rischiando di far rimanere in dieci la propria squadra che ha sicuramente rischiato troppo nel primo tempo.

Il Sudtirol stenta molto nella fase di contenimento sulle ripartenze centrali della Viterbese e rischia il pari. Si arriva fino al lunghissimo recupero, quando il solito Candellone mette in moto un contropiede micidiale che non lascia scampo alla Viterbese, che perde avendoci provato e dà l’addio a questi playoff!

LA VIGILIA

Per la Viterbese un’altra data importante. Oggi – ore 18 – la squadra gialloblu potrebbe raggiungere un altro obiettivo di grande rilevanza, la semifinale dei playoff. Per far questo, però, ha un’unica possibilità, vincere a Bolzano per eliminare i locali del Sudtirol. Per arrivare nel migliore dei modi alla gara del “Druso”, la Viterbese ha scelto un programma particolare. E’ partita venerdì sera, fermandosi a metà strada, per riprendere il cammino nella mattinata di ieri e svolgere, nel pomeriggio, la rifinitura sul campo di Merano.

Per quanto riguarda la formazione, Sottili ha a disposizione tutti i migliori, visto che è uscito indenne dal pericolo-ammonizioni nella gara di andata, che non gli ha tolto neanche un uomo, per questa sfida di inizio giugno.

E da Candellone nasce il gol di Costastino, subito ad inizio ripresa.

COSI’ ALL’ANDATA

VITERBESE C. 2 SUDTIROL 2

VITERBESE CASTRENSE (4-3-3): Iannarilli 6; Celiento 6.5 Rinaldi 6.5 Sini  6.5 Peverelli 6 (38’ st Mendez sv); Baldassin 6 Di Paolantonio  6 Cenciarelli 6 (24’ st Mosti sv); Vandeputte 6 (10’ st De Vito 6) Jefferson 7 Calderini 6 (24’ st Bismark sv). A disp.: Pini, Micheli, Benedetti,  Sanè, Pandolfi, Zenuni, Atanasov, De Sousa. All.: Sottili 6.

SUDTIROL (3-5-2): Offredi 6; Erlic 6  Sgarbi 6 Vinetot 7; Tait 5.5 Broh 6 Berardocco 6 (43’ st Zanchi sv) Fink 6.5 (17’ st Smith 6) Frascatore 6; Costantino 7 (43’ st Flores sv) Candellone 6.5 (32’ st Gatto sv). A disp.: D’Egidio, Bertoni, Cia, Baldan, Cess, Boccalari, Oneto, Heatley Berardi. All.: Zanetti 6.5.

RETI: 35′ pt Tait autogol (VC), 13’ st  e 24’ st Costantino (S), 45’ st Jefferson (VC).. 

error: Content is protected !!