“LE GRANDI OCCASIONI”. IL BASEBALL

OCCASIONE DA DIAMANTE!

Il baseball di Montefiascone: tradizione e mentalita’. Rincones e il “cugino” Vaglio

Correva l’anno millenovecento sessantasette. In Italia e nella tranquilla Montefiascone. In Italia era l’anno in cui cominciava a montare la protesta, in cui il movimento giovanile di rivolta s’intravedeva con crescente preoccupazione. A Sanremo viene trovato morto Luigi Tenco e nel suo biglietto la scritta “in un mondo in cui si manda in finale ‘Io tu e le rose’….”

Nel calcio l’Inter si fracassa nell’ultima giornata, “suicida” a Mantova, in campionato. Nella Coppa dei Campioni è battuta – contro pronostico – nella finalissima dal Celtic, dopo tanti tronfi.

Il governo era presieduto da Aldo Moro, mentre il cinema celebrava i fasti de “Il Laureato”, diretto da Mike Nichols e interpretato da Dustin Hoffman. Un film che incasserà una montagna di soldi, pur non parlando del Vietnam o dei disagi dell’età giovanile. 

A Montefiascone, invece, vedeva la luce lo sport del “batti e corri”, meglio conosciuto come baseball. Nasce grazie ad alcuni ragazzi che cominciarono a giocare per passatempo, che poi iniziarono – due anni dopo – a disputare regolari campionati con il nome di “C.S. Le Mosse-Tartarola” e “U.S. Montefiascone”. Nel ’74 viene fondata l’Etrusca Baseball – insieme alla “VAM Softball” – per iniziativa di Astorre Caporali, che assecondò il desiderio di quegli appassionati. Rendendoli felici.

Gli inizi – come spesso accade, in questi casi – non sono facili, ma in soli due anni arriva la promozione alla Serie B  ed il titolo regionale dei Giochi della Gioventù. Sembra l’occasione giusta, anche se la mancanza di un campo di gioco rischia un regresso di risultati e – soprattutto – di stimoli. Un sussulto, però, arriva nel 1980, quando l’intera attività viene spostata a Zepponami.

Un grande “prato” dove nascono speranze – oltre che risultati – come canterebbe qualcuno. Una di queste speranze si chiama Giuseppe Viola, un predestinato, come diversi altri, per la verità, nella storia dei Gialloverdi.

error: Content is protected !!