L’ULTIMA VOLTA DI VITERBESE-RENDE…

APRILE 2019

VITERBESE C. 1 RENDE 3

VITERBESE CASTRENSE (3-4-1-2): Valentini 5.5; Atanasov 5 Rinaldi 5 Coda 5 (9’ st Sini 5); Zerbin 6 Tsonev 5 Cenciarelli 5.5 (13’ st Artioli 5.5)  Mignanelli 5.5; Pacilli  5.5 (13’ st Coppola sv); Polidori  5 (1’ st Bismark 5) Luppi 5.5 (1’ st Molinaro 5.5). A disp.: Demba, De Giorgi, Sparandeo, Milillo, Ferramisco, Celesti, Damiani. All. Calabro 5.5.

RENDE (3-4-3): Borsellini 6.5 (45’ st Palermo sv); Germinio 6 Maddaloni 6 Sabato 6.5; Viteritti 6 (25’ st Cipolla 6) Franco 6 Awua 7 (45’ st Laaribi sv) Blaze 7; Borello 7 Vivacqua 6.5 Leveque 6.5. A disp.: Savelloni, Minelli, Calvanese, Crusco, Zivkov, Bonetto, Brignoli. All: Modesto 7.

ARBITRO: D’Ascanio di Ancona 5.5.

Guardalinee: De Ambrosis e Bertelli.

MARCATORI: 4’ pt Leveque (R), 7’ pt Zerbin (VC), 12’ pt  e 2’ st Borello (R).

ESPULSI: Tsonev (VC) al 32’ st per intervento falloso.

AMMONITI: Blaze, Borello (R).    

NOTE: Spettatori 1000 circa. Angoli 3-3. Recuperi pt 1’ st 4’.

 

VITERBO – La Viterbese incassa la seconda sconfitta consecutiva in casa, la quarta di fila, considerate anche quella di potenza e quella di Coppa Italia a Monza. Un po’ troppo, oggettivamente, ce al netto della stanchezza delle partite disputate due volte la settimana. Il Rende ha fatto il suo, ha messo in campo tutte le energie disponibili per l’ultima partita in programma, visto che domenica prossima riposerà. Nella ripresa, addirittura è stata padrona del campo, con una Viterbese che, stanchezza a parte, non ha provato neanche a rimettersi in sella ed evitare l’ennesimo scivolone.

Con la testa troppo proiettata alla finale di Coppa Italia dell’otto aggio? Probabile, ma non può essere un alibi esaustivo per una prestazione così impalpabile, che ha amareggiato anche il patron Camilli, il quale ha espresso un evidente disappunto in sala stampa.

Tornando alle vicende del campo, c’è da dire che il Rende colpisce subito, praticamente alla prima incursione: in pratica passa al primo vero affondo: Borello trova la linea di fondo e mette in mezzo un pallone. Valentini non esce e Leveque non ha difficoltà a mettere il pallone in rete (2’) praticamente indisturbato. E pensare che sono in due i giocatori ospiti a saltare, contrastati unicamente da Eerbin, che è un attaccante, spesso adattato – come in questa occasione – a  mediano.

Sembrerebbe, però, solo un incidente di percorso, visto che lo stesso Zerbin pareggia prestissimo i conti, lanciato in profondità da Pacilli. Anche la difesa del Rende sbaglia il tempo della chiusura e Zerbin tira su Borsellini che ribatte e, quindi (7’) mette definitivaene dentro.

Aumenta il ritmo a controcampo, dove si fa sentire, tra le fila gialloblu, l’assenza dell’infortunato Palermo, in un settore dove Awa spopola: il colored, a cui manca solo il gol, viaggia, con e sena palla, ad una velocità ce la Viterbese non riesce a gestire

Al 12’ strappa da piedi di Tsonev il pallone e serve un perfetto assist a Borello, il quale lascia partire un preciso diagonale che non lascia scampo a Valentini.  

Calabro tenta la carta delle cinque sostituzioni, ma in campo non cambia nulla e il Rede, nella ripresa archivia con anticipo la gara con il terso gol, ancora realizzato da dentro l’area piccola del portiere, quando (2’) sul pallone arrivano insieme Borello e Coda, toccando praticamente contemporaneamente il pallone del 3-1 per gli ospiti.

error: Content is protected !!