“Io rispetto tutti e va bene così. Gli episodi credo siano abbastanza chiari. Ho imparato a mie spese ad accettare anche quello che dicono i colleghi. Poi ci sono le immagini”: così Fabio Gallo nel post partita contro la Viterbese sulla direzione di gara.

“Sono incazzato perché dovevamo chiudere sul 4-0 nel primo tempo. Nel secondo non mi è piaciuto l’atteggiamento perché dai speranza agli avversari di pareggiare come poi è successo. Nel primo tempo abbiamo fatto un calcio bellissimo. Nel secondo no”.

Come mai questo cambio?

“Nell’intervallo ho detto alla squadra di V over la chiudere. Mi dava fastidio non essere avanti con più scarto. La squadra ha reagito pure. Lo spogliatoio era vivo, pronto. Poi c’è stato rumore su due situazioni. Ci siamo abbassati, spaventati. Senza rischiare nelle situazioni chissà quanto ma abbiamo concesso loro si venire a giocare più alti”.

Perché la squadra si è impaurita?

“Difficile dirlo. Ci sono tanti fattori. La mia squadra ha sempre fatto partite col piglio giusto. Primo tempo bellissimo, secondo tra i più brutti. C’è stata pure la reazione ma abbiamo dovuto prendere uno schiaffo”.

Proietti ha avuto un problema fisico?

“Ha avuto un problema al ginocchio, lo stesso di Francavilla, ieri. Ha fatto risonanza. Vediamo. Salzano ha fatto bene. A centrocampo ho soluzioni che mi fanno stare sereno”.

Bene anche Vantaggiato…

“È un mio giocatore, quando lo chiamo in causa deve fare questo”.

Nesta ha spinto poco, richiesta tua? 

“No però c’era Furlan che si allargava sempre lì e gli occupava la fascia. È un quinto eccezionale, un buon quarto. Ha fatto una patita ottima”.

Dopo 30 secondi hai iniziato a litigare con tutti…

“Ho le orecchie, sento cose che non mi piacciono e rispondo. Poi ci sono momenti in cui devi alzare i toni”.

error: Content is protected !!