“Mentre ci avviciniamo alla “fase due” di questa emergenza epidemiologica, voglio ringraziare gli edicolanti del nostro territorio comunale. Le venticinque edicole dislocate tra città e frazioni, oltre a garantire il consueto e quotidiano lavoro, previsto e autorizzato nell’ambito delle disposizioni governative in questa fase emergenziale, hanno fattivamente  contribuito alla fornitura di importanti servizi di carattere sanitario e sociale. Ricordo che i nostri edicolanti, solo nel mese di aprile, hanno provveduto alla distribuzione complessiva di circa tredicimila mascherine, tra quelle fornite dalla Regione Lazio e quelle provenienti dalla Cina. Circa cinquecento pezzi per ogni edicola, consegnati ai cittadini che, in modo ordinato, hanno atteso il proprio turno. 
 
Voglio sottolineare inoltre il ruolo strategico delle edicole per quanto riguarda la richiesta dei buoni spesa da parte degli aventi diritto. Per snellire le procedure portate avanti dal settore servizi sociali, le edicole hanno provveduto alla distribuzione della modulistica  e alla raccolta delle domande, una volta compilate dai richiedenti. Ben novecento le richieste presentate agli edicolanti da parte dei cittadini. Il tutto, con la collaborazione della Protezione civile – coordinata dal consigliere delegato Antonio Scardozzi – che tutti i giorni ha provveduto a consegnare ai servizi sociali la documentazione compilata dai viterbesi e affidata alle edicole. Un servizio davvero prezioso quello svolto quotidianamente dai nostri edicolanti in questa difficile situazione. A tutti loro un sentito “grazie”. 
error: Content is protected !!