I 60 anni della Dinamo Sassari compie 60 anni. Dal campetto di una scuola all’Europa

Da San Giuseppe, il quartiere dove a Sassari inizia quasi tutto, alla ribalta internazionale. La Dinamo compie sessant’anni. Vicina di casa di due presidenti della Repubblica, Antonio Segni e Francesco Cossiga, e dinastie politiche come quella dei Berlinguer, la squadra di basket di Sassari è cresciuta nello stesso quartiere di ministri, sottosegretari, parlamentari, professionisti, intellettuali, uomini di cultura e artisti.

Un destino già scritto, innescato da un gruppo di ragazzi che oggi assistono increduli dalle tribune del PalaSerradimigni alle imprese della loro creatura, che si è fatta strada e vestita di biancoblu si è fatta un nome anche in Europa. Uno scudetto, due supercoppe e due coppe Italia.

Dal 1960 a oggi, da Dino Milia, che prese il giocattolo e lo trasformò in una solida realtà professionistica, a Stefano Sardara, il manager visionario che l’ha riprogettata a sua immagine, tracciando percorsi gestionali mai battuti prima, non da queste parti. Scelte coraggiose, che hanno cambiato la Dinamo, il cui nome e il cui destino da decenni sono legati al Banco di Sardegna. Fermata dal lockdown sul più bello, la squadra di Gianmarco Pozzecco (NELLA FOTO) rinvia a data da destinarsi nuovi successi e brindisi.

(ANSA)

error: Content is protected !!