“SENZAGIRO”. PRIMA TAPPA: VINCE NIBALI SU DUMOULIN

Ventitré centesimi di secondo. Niente. Stavolta Vincenzo Nibali ha festeggiato e Tom Dumoulin ha spiegato. Gli 8 km e 600 m nel cuore di Pest e poi in quello di Buda sono stati elettrocardiaci, non nel senso dei watt dei motorini, ma in quello delle scariche di emozioni. 

La cronometro è sempre un esame di maturità di quelli di una volta, quando si portavano tutti i programmi di tutte le materie di tutti i cinque anni fra ginnasio e liceo, compresi latino e, per il classico, anche greco. Roba da perdere il sonno prima e subirne gli incubi dopo. Organizzazione, preparazione, ricognizione, tensione, pressione. Meno cinque, quattro, tre, due, uno. Poi da soli con se stessi e contro se stessi, e anche contro tutti gli altri. E in quell’apnea ipnotica non si vede la partenza da piazza degli Eroi, non si ammira il passaggio sul ponte delle Catene, non si sfiorano i bagni Széchenyi, non si scopre il distretto del Castello, non si ricorda se 102 edizioni fa il pronti-via fu dato alle 2.53 di notte (o di mattino: quella è un’ora di nessuno) per una tappa di 397 chilometri e la vittoria sorrise a un corridore romano (Dario Beni) che quattro giorni prima era a Roma e si recò alla partenza a Milano in bici, tra Cassia ed Emilia, scaldando – diciamo così – la gamba. Più che altro: in una cronometro così non si pensa.

Ordine d’arrivo tappa 1

Posizione Corridore Tempo
1 Vincenzo Nibali  
2 Tom Dumoulin st
3 Victor Campenaerts +02”
4 Søren Kragh Andersen +05”
5 Remco Evenepoel +06”
6 Thomas De Gendt +11”
7 Rohan Dennis +11”
8 Wilco Kelderman +13”
9 Alex Dowsett +15”
10 Chris Froome +16”
error: Content is protected !!