MA UNA SERIE C COSI’ A CHI GIOVA?

Gia’ in netta crisi prima del virus, con tante società fallite puntualmente negli ultimi anni. Con dei costi troppo alti e degli introiti quasi sempre insufficienti a sopportare il peso delle perdite. Ora sarà molto peggio, dopo l’emergenza sanitaria che graverà anche sulle aziende di più di un presidente della serie C. Non si capisce chi può avere interesse ad andare avanti su questa strada, quando, con una serie B a due gironi e un C deficalizzata potrebbe diventare un campionato aperto  a tutti.

Intanto ci sono ssanta squadre, sessanta storie, sessanta situazioni diverse che si riverberano sul presente e sul futuro. Sessanta nomi destinati a cambiare per circa un quarto del totale, fra promozioni, retrocessioni e crolli. 

error: Content is protected !!