Accadeva il 28 maggio nel mondo…

Avvenimenti e personaggi che hanno fatto la storia il 28 maggio.
 

1524 – Nasce Selim II, sultano dell’impero ottomano dal 1566 al 1574.

1533 – Thomas Cranmer, consacrato arcivescovo cattolico a Canterbury il 30 marzo precedente, dichiara valido il matrimonio tra il sovrano Enrico VIII e Anna Bolena. Verrà di conseguenza scomunicato dal papa Clemente VII come eretico, divenendo così il primo arcivescovo della Chiesa anglicana.

1588 – L’Invincibile Armada spagnola salpa dal porto di La Coruña alla volta del Canale della Manica con l’obiettivo (fallito) di invadere il Regno Unito, rovesciare la regina Elisabetta e interrompere le ingerenze britanniche nei Paesi Bassi spagnoli.

1754 – Guerra franco-indiana: si svolge a Uniontown (Contea di Fayette, attuale Pennsylvania) la battaglia di Jumonville Glen. La milizia coloniale britannica della Virginia, comandata da George Washington e sostenuta da un piccolo contingente di guerrieri mingo, tende un’imboscata a un gruppo di 35 soldati franco-canadesi guidati da Joseph Coulon de Villiers de Jumonville. All’epoca Regno Unito e Francia non erano in guerra; l’affaire Jumonville fu tra le cause scatenanti della guerra dei 7 anni (1756-1763).

1871 – La Comune di Parigi cade alla fine della cosiddetta “settimana di sangue”, due mesi e dieci giorni dopo il suo insediamento (18 marzo).

1905 – Guerra russo-giapponese: dopo sole 48 ore, la battaglia di Tsushima termina con la distruzione della flotta russa del Baltico. Ultima battaglia del conflitto.

1918 – La Repubblica Democratica dell’Azerbaigian e la Prima Repubblica di Armenia dichiarano l’indipendenza dall’impero russo.


Carta di Laura Canali

1940 – Seconda guerra mondiale: il Belgio si arrende alla Germania.

1944 – Nasce Rudolph Giuliani, sindaco italo-americano di New York City dal 1994 al 2001, attualmente nella squadra di legali del presidente Trump.

1948 – Daniel François Malan viene eletto primo ministro del Sudafrica. Sostenitore del nazionalismo afrikaner, verrà ricordato per aver dato inizio al regime segregazionista dell’apartheid.


Carta di Laura Canali

1972 – Muore Edoardo VIII, sovrano del Regno Unito da gennaio a dicembre del 1936, quando abdicò in favore del fratello Albert Arthur George, duca di York, futuro Giorgio VI. Il motivo dell’abdicazione fu la promessa di matrimonio con l’americana Wallis Warfield Simpson. Il canone della Chiesa anglicana prevedeva che le persone divorziate non potessero risposarsi fin quando i propri ex coniugi fossero ancora in vita. A Edoardo, in quanto sovrano e capo della Chiesa anglicana, era precluso dunque il matrimonio con la Simpson (divorziata dal precedente marito). Per ovviare al decreto, il re decise di abdicare al trono.


Edoardo VIII, qui duca di Windsor e la duchessa Wallis Simpson, settembre 1939 (Foto da: Keystone/Getty Images)

1974 –  Salta l’accordo di Sunningdale, il tentativo di costituire un esecutivo transfrontaliero dell’Irlanda del Nord che condividesse il potere con il Consiglio d’Irlanda.

1979 – Il premier Konstantinos Karamanlis firma il trattato di adesione della Grecia alla Comunità economica europea. Leggi: Tra euro e neuro

1991 – Guerra civile etiope: si chiude l’assedio di Addis Abeba con la vittoria del Fronte democratico rivoluzionario popolare etiopico, che pone fine dopo diciassette anni (1974) al regime socialista prima del Derg, il governo militare, e poi del suo successore il Partito dei lavoratori d’Etiopia. 

Il 1974 rappresenta, infatti, la fine di una politica di tipo autoritario ma non rigidamente centralizzato e la proposizione di un modello statuale di tipo «sovietico», i cui pilastri sono stati un forte dirigismo e centralismo e, seppur tardo, il riconoscimento delle «nazionalità». In questo senso, l’esperienza federale, avviata dalla dirigenza dell’Ethiopian Peoples’ Revolutionary Democratic Front (Eprdf) nel 1991, per quanto nuova nel suo approccio ai processi disgregativi interni, rappresenta una certa continuità, ideologica e politica, con il regime del Derg (con un maggiore accento sulla questione delle «nazionalità»)

1998 – Il Pakistan conduce dei test nucleari nel distretto di Chagai, in risposta a quelli indiani.


Carta di Laura Canali - 2017

2004 – Iyād ʿAllāwī viene scelto dal Consiglio governativo come primo ministro provvisorio dell’Iraq. Rimarrà in carica fino all’aprile 2005. Dal 2016 sarà vicepresidente della repubblica.

2008 – L’Assemblea Costituente dichiara il Nepal una Repubblica Federale Democratica e abolisce la monarchia.

error: Content is protected !!