VITERBESE, B & B! FINO AL 2022 PER BASCHIROTTO E BENSAJA

I due Gialloblu, tra i più continui della scorsa stagione, non lasciano, ma raddoppiano: per loro il contratto viene prolungato di un anno, a dimostrazione del fatto che la Viterbese crede in loro.

QUESTI ALCUNI PASSAGGI DELLE LORO PRECEDENTI INTERVISTE.

Bensaja (NELLA FOTO), il suo cognome farebbe pensare ad una nazionalità non italiana, invece è “italianissimo” e “romano de Roma”. Ha anche giocato con la maglia giallorossa.
La mia famiglia è di Roma e lì è nato: ha giocato nelle giovanili della Roma a sedici anni, poi ha fatto molta gavetta in giro, partendo dall’Eccellenza.

“E’ stato un onore – si legge nell’intervista al Corriere dello Sport – allenarsi ai tempi della Roma di Montella, così come posso dire che la serie D è stata una esperienza importante, con squadre di blasone che vogliono rientrare nel calcio che conta. Del presidente Romano posso dire che sta cercando di mettere a posto anche le situazioni che non erano ottimali. Tanto di cappello a lui. Ora iniziamo il 2020,una sorta di anno zero.”

Baschirotto, Come riesci a mantenerti in forma – peraltro tu hai un fisico imponente – durante il lungo periodo passato in casa?

“Sotto questo aspetto sono più fortunato di altri, perché i miei genitori gestiscono una azienda agricola – a cui collaboro anch’io, in questo momento – ed ho a disposizione grandi spazi in solitudine, che mi permettono di correre come voglio e nella massima sicurezza. Poi ho anche degli attrezzi, per cui posso fare un po’ di pesi e ciò che mi serve per non perdere la condizione. Anche per questo la società ha pensato fosse molto più utile che io tornassi a Nogara”.

BASCHIROTTO
error: Content is protected !!