“Nozze d’oro con il basket per Guido De Alexandris

Era il 23 dicembre 1971 quando il Comitato Regionale del Lazio rilasciava la tessera numero 3685 a Guido De Alexandris. La prima di una collezione di tessere da allenatore che con quella appena rinnovata per la stagione 2020/21 porta a quota 50: cinquant’anni da allenatore, un traguardo e una ricorrenza da festeggiare proprio nell’anno del Cinquantesimo del club per cui allenerà anche nella prossima stagione: la Pallacanestro Mirano.

Una passione iniziata fin da giovane nella sua Viterbo, dove è cresciuto con la famiglia nei primi anni, e poi esportata qui in Veneto dove De Alexandris ha svolto tante stagioni sia da allenatore che da istruttore Minibasket, arrivando per entrambi a toccare il livello Nazionale. Tecnico preparato ed esperto, in questi ultimi anni si è dedicato soprattutto al Settore Minibasket, insegnando alle nuove generazioni ad innamorarsi di questo sport e crescendo anche giocatori che sono riusciti ad arrivare anche in serie A.

Tanti anche i giovani allenatori e istruttori che hanno potuto iniziare sotto la sua ala protettiva il percorso cestistico da allenatori o da istruttori minibasket: un’ottima base di partenza, con un vero e proprio guru del basket giovanile.

Numerosi anche i successi ottenuti a livello tecnico con le varie squadre che ha allenato in questi cinquant’anni di attività, senza dimenticare anche i riconoscimenti personali ricevuti dal Comitato Nazionale Allenatori per la sua carriera che continuerà quest’anno ancora a Mirano.

A rendere ancora più speciale il rapporto tra De Alexandris e il basket c’è la sua passione per i Clinic e l’aggiornamento professionale che il tecnico veneziano cura con molta attenzione: soltanto il coronavirus nella scorsa stagione è riuscito a rallentare la sua voglia di formazione e di aggiornamento che l’ha portato nel corso di questi cinquant’anni a realizzare centinaia di Dispense Tecniche sia per il settore giovanile che per il Minibasket, ma anche a girare mezza Italia munito del suo immancabile quaderno per gli appunti e il registratore per non perdere nemmeno una parola delle lezioni dei relatori come Maurizio Cremonini.

Insomma un’autentica leggenda della panchina con cui abbiamo il piacere di festeggiare il nostro Cinquantesimo: anzi due vere e proprie nozze d’oro con il basket, per noi e anche per lui.

Come giocatore ha militato nella trafila dei campionati giovanili e dei campionati minori a Viterbo. Tra questi, due campionati provinciali Juniores vinti, di cui il secondo come miglior realizzatore della provincia di Viterbo e due campionati provinciali studenteschi vinti. Ha iniziato l’attività di allenatore di settore senior e giovanile maschile a Viterbo dal 1971 al 1975. Trasferitosi a Mestre nel 1975 (essendo nativo di Venezia), ha maturato diverse esperienze con vari incarichi come allenatore di squadre giovanili e senior, Istruttore di Minibasket e Responsabile Tecnico Minibasket. Società in cui ha allenato nel Veneto: Pallacanestro Giganti Zelarino (VE), Reyer Venezia (tre cicli in tre epoche diverse); Basket Mogliano (tre cicli in tre epoche diverse), CSCC Marghera-Catene, Giants Marghera, Polisportiva Casale sul Sile, ASD Minibasket Spinea (VE). Dalla stagione 2019-2020 al Centro Minibasket della Pallacanestro Mirano come Istruttore della squadra Aquilotti ‘2009. Negli anni recenti ha vinto due volte il prestigioso torneo internazionale della Befana di Limena (PD), nel 2007 con il Mogliano e nel 2010 con l’Umana-Reyer. Sempre con l’Umana-Reyer nel 2010 ha vinto il torneo Leoncino, il torneo di Solesino e il torneo di Tricesimo, nel 2011 il torneo di Budrio (BO) e nel 2012 al 2° posto al torneo internazionale della Befana di Limena e al torneo internazionale di San Giovanni Valdarno (AR) e vinto i tornei di Empoli e di Roncaglia. Con il Mogliano ha vinto anche il torneo nazionale di Codroipo, il torneo di Breganze e il torneo di Conselve. Con Marghera ha vinto il torneo nazionale di Riva del Garda (1996) e il torneo interregionale di Piacenza (1998). Il 13 Marzo 2018 è stato insignito con targa al merito di “cultore cestistico” dal Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia della Federazione Italiana Pallacanestro.

error: Content is protected !!