Non si ferma la triste serie dei morti dello sport di questo 2020. Lo sport italiano piange, infatti, la scomparsa dell’olimpionico Fernando Atzori. L’ex pugile, oro nei pesi mosca a Tokyo 1964, si è spento all’età di 78 anni. Atzori fu anche campione del mondo militare nel 1963 e nel 1964 e vincitore dei Giochi del Mediterraneo del 1963. Leggendaria la sua affermazione a cinque cerchi, il 23 ottobre del 1964, al Korakuen Ice Palace. L’azzurro si impose subito contro l’egiziano Mahmoud Mersal (5-0), quindi contro l’australiano Darryl Norwood (5-0). Nei quarti di finale superò l’irlandese John McCafferty (5-0) e in semifinale lo statunitense Bob Carmody (4-1). Riuscì a far sventolare il tricolore a Tokyo, superando per 4-1 il polacco Artur Olech in finale, nonostante una ferita all’occhio, subita negli incontri precedenti. Il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, a nome della Giunta e del Consiglio Nazionale, interpretando i sentimenti dell’intero movimento, si unisce con la Fpi al cordoglio della famiglia per la scomparsa di un grande campione, simbolo dell’eccellenza dello sport italiano nel mondo. (ANSA).
   

error: Content is protected !!