LA CAPOLISTA. BASTA UNA SOLA RETE ALLA TERNANA PER RIMANERE IN VETTA

TERNANA (4-2-3-1): Iannarilli; Defendi, Boben, Kontek, Frascatore; Paghera (11’st Proietti), Palumbo (18’st Salzano); Peralta (11’st Partipilo), Falletti (29’st Laverone), Torromino (18’st Furlan); Raicevic. In panchina: Vitali, Russo, Diakité, Suagher, Mammarella, Onesti, Vantaggiato. Allenatore: C.Lucarelli.

V.FRANCAVILLA (3-5-1-1): Crispino; Calcagno (12’st Celli), Caporale, Pambianchi (27’st  Ekuban); Giannotti, Di Cosmo, Zenuni, Franco (41’st Carella), Nunzella (27’st Castorani); Mastropietro (27’st Sparandeo); Perez. In panchina: Costa, Tschetschoua, Puntoriere, Buglia. Allenatore: B.Trocini.

Arbitro: Rutella (Enna)

RETE: SALSANO

Per una volta, alla Ternana serve dover vincere con un solo gol, per di più da palla inattiva. Insolito per una squadra abituata a macinare bel calcio e a vincere segnando pure parecchi gol. Contro la Virtus Francavilla, ci è voluto un semplice 1-0 ottenuto da un calcio d’angolo e in una partita apparentemente bloccata da un avversario coriaceo e granitico, arrivato in Umbria consapevole di trovarsi di fronte la capolista e schiacciasassi del torneo e a provare a fare barricate e a chiudere spazi, pur di evitare di trovarsi anch’essa con le ossa rotte. E infatti, per lo meno la squadra di Bruno Trocini è riuscita a perdere con dignità, arrendendosi con una sola rete. Di contro, per la squadra di Cristiano Lucarelli è stato un esame di maturità, per una Ternana che quando non può divertirsi e spumeggiare, sa anche avere pazienza e trovare la vittoria da un solo episodio decisivo.

error: Content is protected !!