IL BASKET DI GIANNI SANTI…

Nella squadra che – nella stagione 80\81 – ebbe modo di giocare in mezzo a tutti quei talenti più esperti e affermati, c’era anche un giovanissimo Viterbese, Gianni Santi.

“Per me fu una importante esperienza, anche se, forse, i ricordi più belli sono legati alle partite del settore giovanile, con la maglia della Di Marco, ai derbies con la Garbini, le grandi sfide a livello ragionale.

Sempre con la palestra della Verità stracolma, cosa impensabile, oggi, per partite di ragazzi. Ricordo, ad esempio, la finale del campionato juniores con la Lazio, in cui militavano diversi giocatori poi finiti in serie A, Sbarra, Lorenzon e Cecchetti. Vennero a giocare a Viterbo con lo scudetto sul petto, una cosa che ci esaltò in maniera incredibile. Eugenio Azzoni è stato il giocatore più forte con cui ho avuto la fortuna di giocare. Quando arrivò a Viterbo fu il vero trascinatore del basket viterbese, che cominciò a salire e diventare grande. Fu il punto di forza di quella squadra fortissima, la più bella a vedersi, quella della prima promozione.”

error: Content is protected !!