NOVE MESI DI BILANCIO DRAMMATICO NELLE VENDITE DEI GIORNALI. PER LA GAZZETTA, MA ANCHE PER TUTTI GLI ALTRI …

Ricavi editoriali in forte calo per La Gazzetta dello Sport nei primi nove mesi del 2020, caratterizzati dall’emergenza Covid e dalla sospensione delle competizioni sportive da marzo a fine giugno.

E’ quanto emerge dal Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2020 di Rcs Mediagroup, il gruppo editoriale presieduto da Urbano Cairo cui fa capo il principale quotidiano sportivo italiano.

Nei primi nove mesi dell’anno i ricavi editoriali della Gazzetta dello Sport, che comprendono le vendite in edicola, gli abbonamenti all’edizione cartacea del giornale e gli abbonamenti alla versione digitale, sono diminuiti di 26,4 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2019.

Nello stesso arco di tempo, si legge nel Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2020 di Rcs, i ricavi editoriali del Corriere della Sera, altra testata controllata dal gruppo editoriale controllato da Cairo, sono invece cresciuti di 1,2 milioni grazie all’aumento dei ricavi digitali (+3,8 milioni) e dei ricavi legati a prodotti collaterali (+2,8 milioni), che hanno compensato le minori entrate legate alle vendite del quotidiano in edicola.

LA SITUAZIONE DELLE ALTRE GRANDI TESTATE GIORNALISTICHE NON E’ MOLTO DIVERSA DA QUESTA E IL BILANCIO PER TUTTI E’ VERAMENTE DRAMMATICO, CHE METTE A RISCHIO IL FUTURO DELLA CARTA STAMPATA, GIA’ PIU’ CHE DIMEZZATA NEGLI ULTIMI ANNI, ANCHE PRIMA DEL COVID

error: Content is protected !!