Pelagotti – Il portiere che prende tre gol più di 5 non può meritare. Anche questo completino fluorescente ha fatto il suo tempo perché segnala la sua posizione agli avversari. Uniposca.

Almici – È meno incisivo del solito ma sopratutto speriamo di non doverlo rimpiangere per lungo tempo. In bocca al lupo.

Accardi  – Su due gol della Viterbese ha qualche responsabilità, solo attenuata dal fatto che il giocatore laziale è più alto di tre metri. Vatusso (l’avversario).

Marconi – Non pare capirci molto ed è l’ombra del giocatore ammirato appena tre giorni fa. Frullato.

Crivello – In fase di spinta è più lucido del solito e, tra quelli della retroguardia, è l’unico che si salva. Ordinato.

Broh – È completamente fuori posizione, ruolo, squadra e forse anche sport. Un pesce di nome Wanda.

Odjer – Per noi non demerita mai e se ne avessimo 11 saremmo primi. Manny tuttofare.

Silipo  – Non salta mai l’uomo e si avvoltola nei suoi stessi dribbling senza costrutto. Derviscio.

(dal 10’ s.t. Lucca) – Unica cosa positiva della partita. 35 minuti devastanti con due gol, un assist, una traversa e forse pure un paio di boffe. Immenso.

Rauti – Vedi Silipo e poi sostituiscili entrambi (come poi accaduto). Evanescente.

(dal 10’ s.t. Floriano): Contribuisce a illuderci confezionando l’assist per il momentaneo pareggio ma ci aspettiamo sempre di più. Godot.

Kanoute – L’uomo non lo salta mai ma almeno ci prova. Volenteroso.

Saraniti – Comincia vero ad assomigliare a un bomber di categoria e sopratutto non molla veramente mai. Spartaco.

Boscaglia – Se prendi tre gol dalla Viterbese ti devi interrogare a lungo. A noi il gioco d’attacco piace ma fare la figura dei polli ci pare davvero troppo. Ripetente.

A&G

error: Content is protected !!