7/6/2007

CAPRANICA – Tra le squadre che hanno vinto il campionato è sicuramente una delle più giovani. Un CapranicaSutri dall’età media assai bassa, quindi, quello che è riuscito a tagliare per primo il traguardo finale, vincendo una lunga volata con gli avversari più coriacei, quelli della Caninese. Nei sessantaquattro punti che sono valsi il ritorno in Promozioni c’è la storia di un gruppo con più di un giovane di quantità, che ha dato corpo alle possibilità della squadra allenata da Antonio Mochi.

Per lui è arrivata, da parte della società, una conferma a tempo di record, “ma soprattutto –dice il tecnico che ha vinto il campionato – sono stati confermati in blocco i giocatori più importanti, quelli che hanno contribuito al successo finale. Ora cercheremo di trovare i rinforzi giusti: non credo che per noi ce ne vogliano tanti, però è bene affrontare il salto di categoria in modo adeguato.”

E’ la prima promozione per Mochi su una panchina, mentre da giocatore ne aveva collezionate molte: la prima volta si ricorda a lungo ed anche a lui rimarrà impressa, “soprattutto per il calore della gente delle ultime partite – continua Mochi – che ci hanno dato la spinta decisiva. Se in Promozione riusciremo a portare al campo sportivo tutti quei sostenitori avremo sicuramente qualcosa in più degli altri.

Diciamo che quella cornice di pubblico rimane l’icona più significativa, quella con cui fisserei la stagione vincente. Poi è chiaro che tutto il resto ha funzionato e che tutti i reparti sono riusciti a garantire quanto di meglio non si poteva attendere. La squadra mi ha sempre seguito con interesse e non ha mai mollato, anche quando ci siamo alternati in testa alla classifica con altre avversarie, soprattutto con la Caninese.”

Bilancio più che gratificante, quindi, maggiormente apprezzato dagli sportivi locali, anche considerando che nessuno aveva chiesto espressamente, alla vigilia del campionato, di arrivare davanti a tutti.

“Avevamo messo in cantiere la possibilità – dice il direttore generale Nazzareno Onofri – di arrivare tra i primi tre posti: è arrivata la promozione e non possiamo che essere contenti, soprattutto perché abbiamo ottenuto questo importante risultato con tanti giovani. Abbiamo solo inserito a stagione iniziata l’esperto Cirimbilla a seguito di un infortunio che ci aveva privato di un uomo in difesa di cui non potevamo fare a meno.

La nostra filosofia non cambierà neanche per la prossima stagione ed i giovani saranno alla base del nostro progetto. Anzi, visto che in Promozione saranno obbligatori gli Under da mandare in campo, noi crediamo già di essere a buon punto, perché non dobbiamo andarli a cercare in giro”.

Un CapranicaSutri che non ha segnato a mitraglia – realizzando quasi in modo mirato – ma anche una difesa che ha subito ancora meno, con una stagione da incorniciare, tra i pali capranichesi, dell’esperto portiere Massimo Maravalli.

E pur non stabilendo il record dei gol il CapranicaSutri ha avuto, spesso in alternanza tra loro, due realizzatori prolifici come Cataldo Leonetti e Alessandro Catarci: dai loro piedi sono arrivate le reti decisive ed ora sono pronti ad una nuova sfida, anche nella categoria superiore.

In mezzo a tanti giovani l’esperienza è stata garantita da Paganelli, tra i pochissimi che fece già parte della squadra nell’ultima esperienza in Promozione, prima del ritorno in Prima categoria, che sembrava quasi impossibile da risalire. Ma non era così….

 

 

CAPRANICASUTRI: LA ROSA

PORTIERI

Massimo Maravalli (72)

Manuel Mamilio (89)

DIFENSORI

Leonello Fani (79)

Paolo Innamorati (80)

Cosimo Pastano (76)

Secondo Caruc­ci (82)

Marco Paganelli (76)

Franceso Cosimelli (89)

matteo Innocenti (89)

Sandro Cirimbilla (72)

CENTROCAMPISTI

Saverio Poscia (77)

Roberto Pifferi (80)

Daniele Valentini (85)

Marco Feliziani (84)

Emanuele Orsi (87)

Sandro Fabretti (87)

Mattia Patrizi (88)

Andrea Sgarra (86)

ATTACCANTI

Enrico Crocicchia (85)

Stefano Rossini (86)

Cataldo Leonetti (82)

Alessandro Catarci (80)

Giorgio Giardini (87)

ALLENATORE  Antonio Mochi.

Allenatore in seconda Alessandro Giuliani

Massaggiatore Luigi Porta

 

CAPRANICASUTRI: LA SOCIETA’

Presidente Antonio Zanganella

Vice presidente Angelo Innamorati

Direttore Generale Nazzareno Onofri

Dirigenti Alfredo Onori, Luigi Mantrici, Lucio Bonifazi, Antonio Catasta

CAPRANICA: IL PAESE

Deve all’antica via consolare Cassia (poi sostituita dalla via Francigena, con il ristoro per i pellegrini diretti a Roma), che una si snodava esternamente rispetto all’attuale abitato, il suo sviluppo storico, culturale ed artistico.

Il piccolo borgo, disteso su una striscia tufacea, divenne poi un fortilizio dei Conti Anguillara.

Capranica è anche il paese delle acque ferruginose e alcaline apprezzate da Tetrarca, che proprio degli Anguillara fu ospite.

Nella prima settimana di settembre la festa patronale di San Terenziano, con la processione notturna con l’immagine del Santo e l’omonimo Palio.

error: Content is protected !!