La Viterbese torna alla vittoria è dà pure una sistemata alla propria classifica, approfittando anche della sconfitta interna della Vibonese e del turno di riposo del Monopoli.
Non ha certo rubato nulla, anche se non ha disputato una prestazione eccezionale, sicuramente superiore, però, a quella della Turris, apparsa ben più modesta rispetto alla gara dell’andata. Di sicuro ha avuto il merito di capitalizzare nella ripresa, quando due occasioni al proprio attivo sono state tramutate in gol. Ha iniziato il difensore Baschirotto. Dalla destra ha lanciato Bensaja, di testa ha fatto il ponte Mbende: il pallone è rimasto nell’area piccola e Baschirotto, tutto solo (14’), ha depositato agevolmente in rete.
Ha provato qualcosina la Turris, ma si è sbilanciata e il proverbiale contropiede della Viterbese non ha perdonato. Murilo è stato autore di un grande gesto di altruismo, quando ha passato a Tounkara (36’) il pallone del raddoppio e della vittoria.
Nel finale c’è anche il tempo per l’esordio stagionale del giovane gialloblu Adopo (classe 2000) arrivato nei giorni scorsi dal Torino.
VISTA DALLA PARTE DELLA CAMPANIA …

Il terzo ko di fila maturato a Viterbo apre ufficialmente la crisi in casa Turris. I corallini pagano le assenze ma anche una preoccupante inconsistenza offensiva, certificata da un solo tiro in porta durante l’intero match, compiuto per lo più da un centrocampista e da fuori area. Difetti già noti e che ora sembrano ancor più accentuati dalla partenza di Pandolfi, compensata solo dal giovane Ventola, dato che nessuna delle punte impiegate oggi è riuscita a rendersi pericolosa contro la rocciosa ma non irresistibile retroguardia laziale.

error: Content is protected !!