Sembra ieri, con le innumerevoli le soste all’autogrill, per un caffè o per una telefonata, quando non esistevano ancora i cellulari. Una volta, al ritorno da Arezzo, i tifosi gialloblu trovarono in una area di servizio Mino Reitano, il compianto cantante di Bagnara Calabra, sempre aperto con la gente. Abbracciò quei ragazzi, ci fece le foto insieme, con una gioia indescrivibile, ed accennò un suo motivo di successo.  

Anche questo era il calcio, quello in cui “Novantesimo minuto” calamitava davanti al piccolo schermo, in bianco e nero, tanti sportivi. Anche per sentir nominare quella Viterbese che, in mezzo allo stupore generale, mise a segno uno dei colpi più sensazionali della stagione, vincendo per tre a zero sul campo della capolista Sorrento. Sembra ieri …

error: Content is protected !!